Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Bambino di 3 anni bullizzato e chiamato “brutto” per i suoi capelli rossi, la sua reazione mi ha spezzato il cuore

È un dovere dei genitori assicurarsi che i loro figli siano in salute, che stiano bene e siano felici. Per queste ragioni, l’incubo peggiore per un genitore è quello di vedere i propri figli stare male.

Si può solo immaginare quanto sia devastante per un genitore sentire il proprio figlio fare la domanda: “Cosa ho che non va?”

Questo è ciò che è successo a Lauren Russel un giorno dopo che suo figlio di 3 anni è stato bullizzato e chiamato “brutto” a causa dei suoi capelli rossi.

L’incidente spezza cuore ha avuto un effetto così grande su Lauren che la donna ha usato Facebook per scrivere un post molto lungo. Ha chiesto a tutti di leggerlo e condividerlo, perché questo tipo di bullismo non è mai accettabile e dovrebbe essere fermato una volta per tutte.

Qui sotto puoi leggere il post di Lauren.

 

Oggi il mio cuore si è spezzato in due.

Mentre viaggiavo sull’autobus numero 12 sono stata testimone di un comportamento molto crudele verso mio figlio di 3 anni, da parte di un ragazzino dalla mente chiusa che non poteva avere più di 13 anni. Sfortunatamente questa non era la prima volta, e so che non sarà neppure l’ultima.

È stato preso di mira da persone di tutte le età.

E per cosa poi? Perché ha i capelli rossi. Al mio bellissimo bambino è stato detto che avrebbero dovuto prenderlo i servizi sociali perché il suo colore di capelli è disgustoso.

Il ragazzino si è poi girato verso l’amichetto e gli ha detto che ‘se mai avesse un figlio con i capelli rossi lo ucciderebbe’.

Il mio bimbo ha solo 3 anni e ne è uscito molto confuso. Io mi sono sentita devastata perché anche io ho i capelli rossi e so molto bene cosa voglia dire crescere venendo isolata e sempre presa di mira dai bulli.

Non ha più smesso di chiedermi perché alle persone non piacciono i suoi capelli.

Mi sembrava così triste e volevo farlo stare meglio. Il motivo per cui ho deciso di rendere pubblica questa storia è perché so che questi bulli crudeli sono in minoranza.

Voglio far vedere a mio figlio che in questo mondo c’è più bontà che cattiveria.

Ci sono persone deliziose che non giudicano e che non lo isolerebbero mai. Perciò vi chiedo per favore di condividere questo post e mostrare a tutti quanto è bello mio figlio.

Voglio fargli vedere la parte buona del mondo e il potere di un mezzo come Facebook.

Non è giusto bullizzare qualcuno per il suo colore di capelli, né ora né mai. Grazie.”

Ogni bambino è bellissimo così com’è e nessuno dovrebbe mai farlo sentire meno di ciò che è realmente!

Per favore condividi questa storia con tutti i tuoi amici per mettere fine al bullismo una volta per tutte!

 

Leggi di più su...