Coppia Down sposata da 25 anni si ama incondizionatamente nonostante tutto – poi la tragedia

L’amore vince su tutto.

È un cliché è vero e spesso un’affermazione che fa roteare gli occhi a coloro che non hanno ancora trovato la loro anima gemella. L’amore è più di una semplice emozione, è una forza che ci guida ogni giorno – che ce ne accorgiamo o no – ed è capace di produrre prodezze così incredibili che non c’è da meravigliarsi.

Kris Scharoun-DeForge e suo marito Paul Scharoun-DeForge sapevano che l’amore è in grado di superare ogni ostacolo.

La coppia, rispettivamente 58 e 56 anni, è nata con la sindrome di Down ma ha sempre continuato a superare ogni ostacolo che la vita ha messo loro davanti.

Secondo Reader’s Digest, si pensa che i due siano la coppia con questa malattia che è stata sposata per più tempo al mondo.

Purtroppo però a inizio 2019 li ha colpiti una tragedia…

Facebook

Kris e Paul non solo sono stati insieme per molto tempo, ma la loro storia d’amore è ancora una fonte d’ispirazione per tutte le coppie del mondo.

I due si sono sposati 25 anni fa.

Kris ha raccontato che si sono conosciuti 30 anni fa ad un ballo e si sono piaciuti subito.

“L’ho guardato negli occhi e ho visto il mio futuro. Lui mi ha aperto al mondo,” ha raccontato Kris.

Cose in grande per San Valentino

La coppia ha festeggiato in grande San Valentino ogni anno, nonostante il loro amore non scemasse mai per tutto l’anno.

Solitamente per San Valentino Kris preparava un biglietto fatto a mano per suo marito, lo aspettava al ritorno dal lavoro e poi uscivano a cena fuori.

I due si godevano ogni momento passato insieme e il loro legame era indistruttibile.

A San Valentino del 2018 i due avevano davvero qualcosa di molto grande da festeggiare.

Hanno festeggiato i loro 25 anni di matrimonio e hanno dimostrato a tutti i bastian contrari che affermavano che le persone con sindrome di Down non sono abbastanza mature emotivamente da potersi sposare che si sbagliavano.

Il giorno di San Valentino 2019 invece hanno ricevuto una visita a sorpresa da parte degli Harmony Katz, un quartetto di cantanti a cappella che hanno saputo della loro straordinaria storia d’amore.

Mentre ascoltavano le loro canzoni preferite, tra cui “Let Me Call You Sweetheart”, Kris ha abbracciato suo marito.

La coppia ha continuato a dimostrare di essere molto affiatata.

Facebook

Morte in aprile

Purtroppo Paul stava lottando contro un primo stadio di demenza, una malattia che si riscontra comunemente in chi ha la sindrome di Down.

È stato trasferito in una struttura che potesse occuparsi di lui, ma Kris era con lui ad ogni passo.

Kris ha raccontato: “Quando me l’hanno detto ho iniziato a piangere. Lui è la mia vita, non voglio stare senza di lui.”

Purtroppo Paul non ce l’ha fatta ed è morto a causa di complicazioni dovute all’Alzheimer, come ha detto Buffalo News.

Aveva soltanto 56 anni e sua madre Lorraine DeForge ha detto che la sua vita è stata la diretta confutazione degli avvertimenti che i dottori hanno dato a lei e a suo marito Frank quando è nato Paul.

Paul e Kris hanno trascorso momenti incredibili perfino nei loro ultimi mesi assieme.

La scorsa estate Kris stava guarendo dalla polmonite e Paul è andato a trovarla all’Upstate University Hospital di Syracuse.

I due erano entrambi in sedia a rotelle e hanno rinnovato le loro promesse di matrimonio nella cappella dell’ospedale.

“A guardarli è stato come se Paul si fosse risvegliato. Ha sorriso, si è alzato e le ha preso la mano.”

Poco prima della morte di Paul, Kris ha disegnato una farfalla da appendere alla parete sopra il letto di lui.

Inoltre ha aggiunto una nota che gli diceva “sei l’uomo dei miei sogni”.

Non importa quali ostacoli abbiano dovuto superare, Kris e Paul li hanno superati assieme, proprio come dovrebbe essere.

I due sapevano che finché c’era l’amore, tutto ciò che accadeva non aveva importanza.

Un pensiero come questo non è solo sacro, ma anche sorprendentemente unico. Nel mondo odierno, più persone dovrebbero imparare da loro!

Se pensate che la storia di Kris e Paul sia una storia bellissima, condividete l’articolo su Facebook.