Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

La mamma viene dichiarata morta durante il parto – poi si avvicina e sussurra nell’orecchio del marito

Doug e Melanie Pritchard non vedevano l’ora di mettere su famiglia. La coppia si aspettava una figlia, e la gravidanza era andata bene. Ma quando venne il momento per Melanie partorire, è accaduto l’impensabile.

Una volta arrivata al reparto maternità, Melanie ha detto ad un medico che qualcosa sembrava non andare bene. Si sentiva vertigini e nausea. L’equipe medica ha fatto quello che potevano per capire cosa non andava, ma non riuscivano a vedere alcun problema con i suoi organi. Però tutto stava andando a pezzi rapidamente. I segni vitali di Melanie sono crollati e tutti i monitor e schermi in sala hanno iniziato a dare un segnale acustico. Melanie ha smesso di respirare ed è andata in arresto cardiaco.

Melanie ha avuto  una rara emergenza chiamata embolia di liquido amniotico. Il liquido amniotico, cellule fetali, capelli e altri detriti sono entrati il suo sangue, innescando una reazione allergica che ha minacciato la vita di Melanie.

I medici sono riusciti a consegnare il bambino di Melanie tramite taglio cesareo, ma Melanie stessa non ce l’hanno fatta. Lei è stata dichiarata clinicamente morta, i membri della famiglia sono stati invitati a dire l’ultimo saluto alla loro amata madre, moglie e figlia.

Ma 24 ore dopo, è successo qualcosa che ha sconvolto tutti.

Doug e Melanie Pritchard erano felicemente sposati da tre anni quando stavano per accogliere un bambino nella loro famiglia. Tutto è andato bene durante la gravidanza di Melanie …

 

Ma mentre Melanie stava partorendo, ha preso una svolta drastica per il peggio. Melanie ha avuto un embolia di liquido amniotico e smesso di respirare. Anche se i suoi medici la portarono in fretta alla sala operatoria, Melanie era senza vita.

Il suo cuore ha smesso di battere e lei è stata dichiarata clinicamente morto. I medici hanno detto che Melanie avrebbe avuto bisogno di un cuore o trapianto di polmone e che, anche se fosse sopravvissuta, avrebbe probabilmente avuto problemi neurologici per il resto della sua vita. Sono riusciti a far rivivere Melanie e ottenere il suo cuore, ma la situazione sembrava desolante.

 

“Mia moglie era clinicamente morta quando ci hanno consegnato mia figlia”, il marito, Doug, ha detto. “Il mio primo pensiero è stato, ‘Sono un vedovo.'”

I medici hanno chiesto Doug di addio a sua moglie. Fu allora che si chinò sulla moglie dandole il suo addio.

“Se hai ancora qualche lotta in te, allora combatti!” sussurrò a Melanie.

 

E sembra che quelle piccole parole in qualche modo hanno dato Melanie la forza di cui aveva bisogno. Quasi 24 ore dopo che Melanie era andata in coma, riaprì gli occhi. Doug le mostrò una foto della loro figlia, Gabriella, che era sopravvissuta ad un taglio cesareo contro ogni previsione, mentre Melanie stava lottando per la sua vita. E la felicità che la coppia deve aver provato difficilmente può essere descritta.

 

Poche ore dopo il risveglio, Melanie era in grado di respirare da sola. Contrariamente a quello che i medici avevano pensato di lei che necessitava un trapianto di organi, se l’è cavata bene anche senza alcun farmaco. Entro una settimana, lei miracolosamente è tornata a casa per la sua famiglia.

 

“Il suo recupero è un miracolo. La sua sopravvivenza è stata un miracolo”, dice Doug.

 

Non è un miracolo che Melanie è sopravvissuta? Voglio ringraziare tutto il personale medico che ha fatto il possibile per salvare questa bella mamma dal dire addio troppo presto alla vita. Buon lavoro!

Per favore condividete se  pensate che i miracoli accadono a coloro che credono in loro! Auguro a questa bella famiglia tutto il meglio della vita!

 

Leggi di più su...