Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Quando la polizia ha preso d’assalto la soffitta 6 anni fa, hanno avuto i brividi – Come si poteva essere così crudeli?

Portare un bambino al mondo è tra i più grandi e più belle esperienze che uno può avere, ma siamo scioccati di volta in volta da storie in cui vengono abusati i bambini.

Circa sette anni fa, la polizia è andata ad arrestare Rachel Perez a casa sua, nel Kansas, Stati Uniti d’America. La casa era in condizioni disastrose – puzzava di urina e feci, quando la polizia è arrivata sulla scena.

Due dei figli di Rachel erano a casa e sono stati portati da parenti mentre Rachel è stato arrestato dalla polizia. Ma qualcuno mancava.

La nonna che ha preso due fratelli ha subito chiesto dove fosse il loro fratello, Giovanni. Ma la polizia non aveva visto altri figli in casa.

Fu solo allora che si sono resi conto che c’era qualcosa  di terribilmente sbagliato e tornarono a casa, scrive il DailyMail.

Una volta lì, non c’è voluto molto tempo prima che udirono rumori provenienti dalla soffitta.

Quando salirono, hanno scoperto una delle scene più scioccanti che avessero mai visto.

Giovanni era seduto da solo in soffitta pieno di spazzatura. Era coperto di feci e aveva diverse ferite aperte sul suo corpo. Era anche molto denutrito.

Sembrava che il ragazzo non avesse avuto il cibo per diversi giorni. Anche se aveva sette anni, sembrava più che avesse tre anni.

Quando è stato scoperto, a malapena pesava otto chili.

Giovanni, che ha la sindrome di Down, non poteva camminare o parlare – nessuno si era preoccupato di insegnargli.

La sua scoperta è stato uno dei peggiori casi di pedofilia che aveva mai colpito il Kansas.

La madre di Giovanni è stata condannata a otto anni di carcere per abbandono e di abuso di suo figlio.

C’è voluto molto tempo per Giovanni per recuperare. Ha continuato a dormire sui pavimenti per abitudine, e lui era terrorizzato non appena qualcuno alzava la mano, pensando che lo avrebbero colpito.

Giovanni e le sue due sorelle furono presto adottati da parenti, e mai più avrebbero avuto bisogno di preoccuparsi di essere picchiati o trascurati.

Un anno dopo che Giovanni è stato salvato, era di nuovo in salute, ed era veramente un ragazzo cambiato.

Oggi, è un felice tredicenne. Recentemente è stato riunito con gli agenti di polizia che lo hanno salvato dalla soffitta.

È possibile guardare la loro riunione nel video qui sotto.

Che fortuna che ha avuto Giovanni ad essere salvato. Non voglio immaginare cosa sarebbe potuto succedere a lui se la polizia non fosse intervenuta in tempo.

Si prega di condividere la storia di Giovanni con i tuoi amici su Facebook se sei d’accordo che l’abuso e abbandono di bambini non è mai un bene!