Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

2 cuccioli cadono in una buca con un cobra – 48 ore più tardi gli eroi degli animali sono scioccati

L’India è un paese con una quantità estrema di cani di strada, che a volte può creare un sacco di problemi.

Come la storia di questi due adorabili cuccioli, per esempio, che sono stati separati dalla loro madre e sono caduti  in un pozzo profondo.

Un pozzo così profondo che la loro madre non era in grado di aiutarli a tornare fuori.

Ma non era il loro unico problema, si vede, non erano soli nella fossa.

C’era un grande e letale cobra reale laggiù con loro.

YouTube

Come in un film

Accadono a volte cose che si pensava che si vedessero solo nei film.

Credo che queste squadre di soccorso provenienti dall’ India hanno sperimentato questa situazione solo quel giorno particolare.

Un morso singolo e la vita di questi cuccioli sarebbe finita – il cobra reale è così velenoso che può anche uccidere un elefante.

A peggiorare le cose, la fossa in cui  questi poveri cuccioli caddero era molto fangosa e quindi c’era un rischio costante che di rimnaere bloccati.

Fortunatamente, i cuccioli non sono in realtà tra le cose che piacciono al cobra ma la gente era ancora preoccupata per la loro vita.

YouTube

Amichevole Cobra

Il serpente però non sembra voler ferire i cuccioli – al contrario.

Il cobra è rimasto a vegliare su di loro e fare in modo che i piccoli cani non andassero verso l’altro lato più pericoloso del pozzo.

Per 48 ore i cuccioli sono rimasti nello stesso punto del pozzo insieme al cobra.

Quando le autorità finalmente arrivarono per salvare i cuccioli, si è rivelato essere più facile di quanto avessero immaginato. Il cobra gentilmente si è  spostato in modo che la squadra di soccorso ha potuto raccogliere i cuccioli senza alcun problema.

YouTube

A volte gli animali hanno davvero una particolare capacità di aiutare e proteggersi a vicenda – non importa la loro specie o dimensioni, qualcosa che gli esseri umani dovrebbero imparare.

Condividi questo articolo su Facebook se siete d’accordo!

 

Leggi di più su...