Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Bagnanti cercano di aiutare una piccola orca quando la sentono piangere. Poi scoprono il suo destino

Le orche hanno sempre avuto un posto speciale nel cuore degli amanti degli animali. Sono maestose, estremamente intelligenti e possono comunicare tra loro riuscendo così a coordinare la caccia.

Sono in cima alla piramide della catena alimentare – e utilizzano tutti i mezzi necessari alla cattura della loro preda. A volte però le cose possono andare storte.

Questo è stato il caso di questa piccola orca al largo della costa della Columbia Britannica, in Canada. Fortunatamente però alcune persone l’hanno trovata ed hanno agito immediatamente.

Nell’estate del 2015, un branco di orche era a caccia al largo della costa di Hartley Bay.

Con il salire della marea, una di loro deve aver cavalcato l’onda ed è finita incastrata tra gli scogli. Gli scogli erano appuntiti e non riusciva più a muoversi, inoltre la marea era di nuovo calata e con il passare del tempo la situazione andava sempre peggiorando.

YouTube

La piccola orca era impaurita e non smetteva di piangere.

Per fortuna un uomo l’ha sentita prima che fosse troppo tardi. Ha chiamato un gruppo di volontari per aiutarla.

L’hanno coperta per ripararla dal sole e poi l’hanno spruzzata di acqua con tubi e secchi per tenerla umida.

YouTube

L’orca ha capito che nessuno le avrebbe fatto del male.

“All’inizio era spaventata – vedevamo che il suo respiro era molto veloce. Dopo un po’ però credo che abbia capito che l’avremmo aiutata,” ha detto uno dei volontari, George Fisher.

YouTube

Dato che le orche sono molto grandi era impossibile spostarla. E se anche fossero riusciti a trascinarla, gli scogli appuntiti l’avrebbero ferita.

L’unica cosa che potevano fare era proteggerla dal sole e bagnarla fino al risalire della marea.

Dopo otto ore è potuta finalmente tornare a nuotare nell’oceano!

YouTube

Gli uomini della squadra di volontari sono degli eroi!

Sono rimasti con l’orca per molte ore e se non avessero agito così velocemente, sarebbe anche potuta morire prima del risalire della marea.

“Tenevamo tutti a lei e siamo stati molto fortunati a riuscire a darle un’altra possibilità,” ha detto il ricercatore Hermann Meuter, che ha aiutato durante il procedimento, a CBC.

Puoi vedere il salvataggio qui:

Questi eroi meritano di essere festeggiati. Non dimenticare di condividere questa storia con tutti i tuoi amici che amano gli animali!