Cagnolina salvata dall’industria della carne trova una nuova casa con un attore di Hollywood

Pare che siano 1 milione i cani uccisi ogni anno per la loro carne. Sono migliaia quelli che invece vengono tenuti in gabbia in condizioni orrende nelle industrie della carne.


La cagnolina Juliette è stata salvata da un’industria della carne in Corea del Sud. Era incatenata a un paletto di ferro con una catena cortissima e circondata da immondizia.


È stata salvata a Humane Society International (HSI) che ha pubblicato un suo video nella speranza di trovarle una nuova casa, senza sapere l’attenzione che avrebbe attirato.

L’attore coreano-americano Daniel Henney ha visto il video di Juliette pubblicato da HSI e si è innamorato di lei.

Flickr

“Ho visto i suoi video su Instagram e, come potete vedere da tutti i commenti, fanno sprofondare il cuore.


Non ci vuole un genio per capirlo, l’ho vista e ho pensato: ‘Eccola, quella è la mia cagnolina’.”

https://www.instagram.com/p/CFmv2JrB_cg/?utm_source=ig_embed

Ha descritto il loro primo incontro come “amore a prima vista” aggiungendo che, considerato quello che la cagnolina ha vissuto, era comunque “gentile e aperta a conoscere persone nuove senza stare sulla difensiva”.


L’attore di Criminal Minds ha già un altro cane che si chiama Roscoe, che sembra sia ancora più pieno di vita da quando è arrivata Juliette. I due sono diventati inseparabili.

L’attore ha detto che nonostante sia felicissimo di aver trovato Juliette, ci sono ancora migliaia di cani che vivono in gabbia nelle industrie della carne. Sta aiutando la campagna di HSI per aiutare a mettere fine a questa sofferenza.


“Non è semplice da fare, è un problema culturale… credo che la cosa più importante in tutto ciò sia comprendere e non demonizzare e provare a lavorare insieme per trovare una soluzione.


Mi considero molto fortunato ad averla, lei è un angelo!”

Questa cagnolina è adorabile, è davvero osceno pensare cosa sarebbe potuto diventare di lei.


Ringraziamo HSI e Daniel Henney per averla salvata. Condividete l’articolo.