Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Ciclista vede un cane abbandonato con un sacchetto in bocca, quello che c’è dentro gli dà i brividi

Il 58enne Paul Skinner era in bicicletta con un amico ed ha visto qualcosa con la coda dell’occhio che lo ha fatto frenare immediatamente.

In un fosso c’era qualcosa che si muoveva.

Mentre si avvicinava ha scoperto un cocker spaniel stanco e quasi in fin di vita che era stato chiaramente abbandonato.

Il cane aveva un sacchetto di plastica in bocca – e quando Paul ha capito cosa c’era all’interno gli sono venuti i brividi lungo la schiena.

 

Facebook

“In quel momento ero fuori in bicicletta con un amico. Abbiamo visto qualcosa che sembrava un uccello morto, ma mentre passavamo si è mosso,” ha detto Paul al giornale inglese Metro.

Il cane, ovviamente abbandonato, è stato trovato a Lincolnshire in Inghilterra.

“Il cane era solo e leccava il contenuto di un sacchetto di plastica del fish and chips,” ha aggiunto Paul.

L’uomo è sceso dalla bici e si è avvicinato; non c’erano proprietari nelle vicinanze.

È così che ha notato il sacchetto che teneva in bocca.

Metro

Paul si è chinato per vederne il contenuto.

“Il sacchetto conteneva quattro cuccioli morti. Mi ha spezzato il cuore. La cagnolina aveva le lacrime agli occhi, non riesco a credere che qualcuno abbia potuto essere così disumano da fare una cosa del genere,” ha detto.

Paul ha contattato immediatamente un gruppo di salvataggio animale locale e un canile.

I volontari del canile sono arrivati sul posto per tentare di salvare i cuccioli ma purtroppo era troppo tardi.

Un veterinario li ha esaminati e ha dichiarato che probabilmente erano nati il giorno stesso.

Sembra che potessero essere vivi quando sono stati messi nel sacchetto e gettati nel fosso insieme alla madre.

“Non sappiamo esattamente se i cuccioli siano nati morti o se siano morti a causa del freddo,” ha detto la polizia. “Vorremmo ringraziare il ciclista che li ha trovati e che ha dato l’allarme al Fen Bank Greyhound Sanctuary che ha poi portato la cagnolina dal veterinario.”

Su di lei è stato trovato un microchip che però conduceva soltanto all’allevatore originale e non ai padroni.

Fornita da Nyheter365

La mamma è stata presa in cura dal canile ed è stata chiamata Carly. Fortunatamente non verrà mai più trattata male – e dovrebbe servire come esempio del perché non dovremmo mai smettere di opporci a chi fa del male agli animali.

Carly ha cento volte più cuore dei suoi irresponsabili padroni. Si è rifiutata di abbandonare i suoi cuccioli anche quando erano già morti.

La sua reazione di istinto materno mostra davvero che gli animali hanno la capacità di provare dei sentimenti proprio come noi umani.

Spero che Carly d’ora in poi abbia una vita felice e lunga e magari in futuro anche altri cuccioli! Metti mi piace se sei d’accordo!

 

Leggi di più su...