Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Cucciolo costretto a vivere in un pollaio e bere il latte condensato è stato finalmente liberato

La  cosa peggiore che chiunque può fare è ferire un bambino indifeso o un animale. Tuttavia, alcune persone consapevolmente fanno proprio questo. Mi fa ribollire il sangue. Ma per fortuna, ci sono anche alcune persone di buon cuore là fuori che si rifiutano di stare a guardare e lasciare che la gente abusi di bambini o animali.

Un orango di nome Budi non ha avuto un inizio facile nella vita. da cucciolo, è finito con un uomo che lo ha ingabbiato in un pollaio – tutto solo.

La vita nella gabbia era dannosa per la salute e lo spirito di Budi. Ma per fortuna, è stato finalmente liberato – e ha subito una fantastica trasformazione!

Budi è stato salvato da International Rescue Animal dopo aver vissuto in un pollaio per 10 mesi. Precedente il proprietario dell’orango gli dava da mangiare solo latte condensato, che non ha alcun valore nutritivo, e tra la mancanza di nutrizione e posti estremamente ristretti, le gambe di Budi erano deformate.

 

E ‘stato spaventoso vedere il suo corpo distorto  – ma i soccorritori di Budi si rifiutarono di arrendersi. Hanno fatto tutto il possibile per salvare il piccolo orangutan.

 

I veterinari hanno lavorato giorno e notte per salvare Budi. Ha ricevuto cibo nutriente e farmaci antidolorifici.

Image Source

Grazie a International Animal Rescue, Budi ha la schiena in salute, e ora si sente molto meglio.

Image Source

Budi è stato salvato nel dicembre 2014, e per un lungo periodo di tempo, non era chiaro se potesse sopravvivere. Ma ora sta bene ed ha diversi nuovi amici. Guarda questo video per vederlo mangiare la frutta con il suo amico Jemmi:

Nessun animale deve essere trattato in questo modo, ma succede ancora ogni giorno.

Tutti noi possiamo fare la differenza per proteggere gli animali e sostenendo organizzazioni per i diritti degli animali. Condividete con i vostri amici in modo che più persone leggano la storia di Budi.

 

Leggi di più su...