Gatto congelato graffia alla porta e chiede aiuto – poi il veterinario nota che è malato

Si dice che i gatti scelgano spesso il loro padrone. Questo è il caso di un gatto rosso che ha deciso che non poteva più vivere per strada.


Era il giorno di San Valentino quando Jaelle ha visto un gatto rosso grattare con la zampa contro la porta di casa sua in Quebec, Canada.


Jaelle non aveva il coraggio di lasciarlo fuori data la fredda giornata invernale, così ha aperto la porta per farlo entrare.


Non l’aveva mai visto prima, ma aveva capito che avrebbe potuto non sopravvivere se fosse rimasto fuori al freddo e senza cibo.


Il suo gesto avrebbe cambiato le loro vite per sempre.


Chi ama gli animali farebbe qualsiasi cosa per loro. Se uno di loro fosse ferito o malato, ci assicureremmo di aiutarlo in ogni modo possibile, ed è proprio quello che è successo al gatto Aslan.


Per molto tempo, il gatto di strada ha lottato per trovare cibo nel freddo pungente.


Aslan, che ha vissuto in strada per molto tempo, sapeva che doveva procurarsi del cibo altrimenti sarebbe morto di fame e di freddo.

Quindi ha fatto l’unica cosa che poteva fare.


Nel disperato tentativo di ricevere aiuto, si è rivolto a una casa.


Ha chiesto aiuto


Ha iniziato a grattare con la zampa contro la porta nella speranza che ci fosse qualcuno che lo facesse entrare.


Jaelle ha sentito il rumore da dentro casa, perciò si è affacciata alla finestra e ha visto Aslan.

Quando lo ha visto, non ha esitato e lo ha fatto entrare al caldo.

Fortunatamente, Jaelle lavora in un rifugio per animali, perciò ha chiamato il suo capo Marie Simard e le ha chiesto aiuto.


“Mi ha spezzato il cuore vederlo. Le ho detto di portarlo dal veterinario e in 30 minuti era alla nostra clinica,” ha raccontato a Bored Panda.


“Dal veterinario il gatto era calmo e si è lasciato controllare. Quando sono stati effettuati esami del sangue e radiografie lui non aveva affatto paura.”

Probabilmente non aveva padroni


Con gli esami hanno scoperto che Aslan non aveva il microchip, perciò sarebbe stato più difficile rintracciare il suo padrone, se ne aveva uno.


Lo hanno chiamato Aslan in onore del leone de Le cronache di Narnia, e hanno iniziato a dargli tutte le cure e l’affetto necessari.


“Abbiamo pensato che fosse stato abbandonato da padroni irresponsabili. Abbiamo molti gatti abbandonati da persone che non possono permettersi di pagare le cure veterinarie. Abbiamo cercato ovunque un gatto scomparso ma senza successo,” ha raccontato Marie Simard.


Il veterinario ha scoperto che Aslan aveva i denti marci, era congelato dal freddo e aveva un morso infetto.

Oggi Aslan vive così


Inoltre, il veterinario ha scoperto che sanguinava da una ferita, aveva pidocchi e vermi, diabete e un’allergia cutanea.


“I suoi esami del sangue erano davvero pessimi quindi è rimasto in clinica per un paio di giorni per poter essere stabilizzato prima di conoscere la sua nuova famiglia.”

Aslan avrebbe finalmente ottenuto la vita da sogno che meritava.


Ma al rifugio per animali in cui lavora Marie, Aslan ha anche stretto molte amicizie. La sua nuova famiglia non ha avuto il coraggio di strapparlo ai suoi amici, perciò oggi vive assieme a loro al rifugio.


“Aslan è un gatto molto affettuoso. Ha subito dimenticato la sua vita di strada e non ha neanche provato ad uscire. Gli piace dormire sul cuscino e coccolarsi.”


Siamo molto felici per te, Aslan! Tutti meritano una casa calda e affettuosa.