Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Ragazza pubblica un selfie col cavallo su Facebook, poi un dettaglio rivela la tortura all’animale

Crediamo che chiunque abbia un cavallo pensi sempre a ciò che è meglio per l’animale.

Sfortunatamente non è sempre vero – ma ciò non significa che dovremmo semplicemente stare a guardare quando le persone fanno del male agli animali.

Questa ragazza inglese di 22 anni si definisce un’amante dei cavalli e una cavallerizza ambiziosa ma non ci è voluto molto prima che la foto mostrasse la sua vera natura.

È successo quando la ragazza stava cavalcando il suo cavallo Thor ed è stata colta in una fotografia.

La foto sembrava innocente ed è finita su Facebook – ma gli amanti degli animali che l’hanno guardata più a fondo hanno fatto una scoperta orribile.

All’inizio l’orrore sembrava difficile da vedere perché era coperto da una coperta.

La ragazza aveva messo una coperta sulla schiena del cavallo per tenerlo caldo, ma così evitava anche che le persone vedessero le sue ossa sporgenti.

Quando le foto sono state pubblicate su Facebook, dozzine di persone le hanno riportate alle organizzazioni per la salvaguardia animale.

La RSPCA (Royal Society for the Cruelty to Animals) è entrata più a fondo nel caso e quando hanno visto i selfie della ragazza insieme a Thor hanno capito che c’era davvero qualcosa che non andava. Hanno deciso di venirne a capo.

“Thor appariva incredibilmente magro e si potevano vedere quasi tutte le ossa del suo corpo,” ha detto Suzi Smith della RSPCA al The Telegraph. “Era chiaro che non stava bene e dopo essere stato esaminato da un veterinario, le sue condizioni fisiche sono state valutate zero in una scala da zero a cinque a causa della sua magrezza.”

La proprietaria di Thor è stata portata in tribunale dove è stata giudicata responsabile delle sue azioni.

La ragazza di 22 anni è stata portata davanti alla giustizia per aver causato al cavallo una sofferenza non necessaria per non aver indagato sulle sue condizioni e per negligenza e maltrattamento nelle cure dell’animale, che hanno fatto in modo che la sua salute si deteriorasse. È stata accusata anche di violenza per avergli causato dolore e sofferenza cavalcandolo nello sue condizioni.

La corte ha condannato la donna a 160 ore di servizi per la comunità e le ha fatto una multa di circa 550 dollari. Inoltre le è stato proibito di possedere un cavallo per 10 anni.

Thor è stato portato in un rifugio per animali per essere curato e tornare in forma. Con le giuste cure è stato meglio in pochissimo tempo.

È tornato ad essere bellissimo e in salute come un tempo!

Ora Thor si gode la sua nuova vita senza soffrire. Può finalmente correre libero e avere il cibo che gli serve per rimanere in salute.

È difficile capire come questa donna abbia potuto trattare così male questo bellissimo cavallo.

Per fortuna ora Thor è in luogo in cui riceve l’amore e le cure che ogni animale si merita. Condividi per dimostrare che la crudeltà sugli animali non è mai giusta!