Donna si abbronzava 5 giorni di fila rischiando la vita – eccola oggi

Patricia Krentcil si abbronzava 5 giorni a settimana e ha rischiato di perdere la vita – ecco com’è oggi

Patricia Krentcil è diventata virale nel 2012 dopo essere stata accusata di aver messo in pericolo dei bambini. In realtà, i lettori potrebbero conoscerla meglio con un altro nome, “Mamma Abbronzatissima”, poiché era ossessionata dall’andare al centro abbronzatura e dal trascorrere del tempo in cabina cinque giorni alla settimana.

Alla fine, il controverso fenomeno chiamato tanoressia, in cui una persona non si rende conto o non accetta la quantità di colore che ha, ha quasi tolto la vita a Patricia. Ora sta molto meglio, anche se continua a frequentare il salone.

Negli ultimi dieci anni, la “mamma abbronzata” ne ha passate tante. Ecco come appare oggi!

Tan Mom, Patricia Krentcil
Youtube/10syncro

Essere ossessionati da qualsiasi cosa, che si tratti di cibo, shopping, guardare serie televisive o altro, è raramente una buona abitudine da sviluppare. Alcune cose sono, ovviamente, peggiori di altre per la salute, ma alla fine è essenziale essere consapevoli dell’impatto che un’ossessione può avere sulla propria vita a lungo termine.

Se avete la sensazione che qualcosa stia iniziando a prendere il sopravvento sulla vostra vita o che stiate dando priorità a un’ossessione rispetto ad altre cose importanti della vostra vita quotidiana, è probabilmente una buona idea rivolgersi a qualcuno. Provate a parlarne con un amico o a chiedere aiuto a un consulente.

Patricia Krentcil – “Mamma Abbronzata”

L’ossessione di Patricia Krentci l’ha portata alla fama virale. Quando era più giovane, ha iniziato a dedicarsi all’abbronzatura, che è diventata presto una parte importante della sua vita. Nel 2012, Patricia è diventata un fenomeno su Internet dopo essere stata processata per aver portato la figlia con sé al centro abbronzatura. Non è mai stata condannata, ma il suo nome era ormai noto.

Oggi ha un approccio più sano all’abbronzatura, ma il tempo trascorso nella cabina abbronzante ha influenzato notevolmente la sua vita e il suo aspetto.

L’ossessione di Patricia per l’abbronzatura è iniziata quando aveva solo 23 anni. Secondo il proprietario del centro abbronzatura City Tropics di Nutley, New Jersey, la donna si sottoponeva in media a cinque visite settimanali per una sessione massima di 12 minuti. Aveva un piano mensile illimitato di 100 dollari.

“Mi sono abbronzata per tutta la vita, andando in spiaggia, nei saloni di abbronzatura e così via”, ha detto.

Non è stato il fatto di abbronzarsi che l’ha resa famosa su Internet. Nel 2012, il suo volto era su Internet per un motivo completamente diverso.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Nel maggio 2012, Krentcil è stata accusata di aver messo in pericolo un bambino. Come riportato dalla CBS di New York, la polizia ha dichiarato che aveva messo la figlia di 6 anni in una cabina abbronzante, provocandole ustioni.

Accusata di aver portato la figlia ad abbronzarsi

Patricia, tuttavia, ha dichiarato che si è trattato di un grosso malinteso. Ha ribadito che non avrebbe mai portato sua figlia Anna al salone.

“No, assolutamente no, assolutamente no, assolutamente no”, ha detto la Krentcil.

Ma il Dipartimento di Polizia di Nutley ha arrestato e accusato Krentcil di aver messo in pericolo un bambino. Le autorità sostengono che aveva portato Anna con sé al centro abbronzatura e che la bambina aveva subito una leggera ustione.

Secondo la ABC, la legge del New Jersey non permetteva a nessuno di età inferiore ai 14 anni di utilizzare un centro di abbronzatura. Gli adolescenti di età superiore ai 14 anni potevano andare nei saloni, ma solo con il consenso dei genitori.

Nel caso di Anna, la controversia è iniziata quando un’infermiera della scuola ha chiesto ad Anna come si fosse scottata, e la ragazza ha risposto: “Vado ad abbronzarmi con la mamma”. Patricia, però, ha sostenuto che Anna si era scottata dopo aver giocato fuori nel loro cortile.

“Non c’è spazio… Non lo permetterei mai… Non è successo”, ha detto Krentcil.

“Ha 6 anni. Sì, va ad abbronzarsi con la mamma, ma non nella cabina”, ha aggiunto. “Tutta questa storia è assurda!”.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Tan Mom, Patricia Krentcil
Youtube/10syncro

A quel punto Patricia ha ricevuto il soprannome di “mamma abbronzata” dai media. Il presunto incidente è diventato virale online e il volto di Patricia è stato mostrato nei telegiornali e sui giornali di tutto il mondo.

“Non si rendono conto di quanto colore abbiano”

Non solo, ma ha fatto luce sul controverso fenomeno chiamato tanorexia, una condizione in cui una persona diventa dipendente e ossessionata dall’abbronzatura.

“Quando si guarda a questo, si tratta di qualcuno che ha un problema che molto probabilmente è una condizione chiamata tanoressia, in cui non si rende conto di quanto colore ha”, ha detto Doris Day, dermatologa di New York, alla ABC News.

“Non ci sono scuse per portare un bambino in un centro abbronzatura”, ha aggiunto.

“Spesso consideriamo l’andare in un centro abbronzatura come l’equivalente del fumare per la pelle e più si inizia da giovani, più gli effetti sono cumulativi”.

Gli esperti della salute concordano sul fatto che il caso di Patricia è molto estremo. In effetti, si trattava di uno dei casi più assurdi che il dermatologo Joshua Zeichner avesse mai visto.

“In tutti i miei anni di cura dei pazienti come dermatologo, non ho mai incontrato nulla di simile”, ha dichiarato Zeichner al NY Daily News.

“Andare in un centro abbronzatura 20 volte al mese, francamente, è una follia, soprattutto con tutte le campagne di educazione e sensibilizzazione del pubblico sui pericoli dei lettini abbronzanti e dei tumori della pelle”.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Tan Mom, Patricia Krentcil
Instagram/realtanmom

“È possibile che abbia un’ossessione per l’abbronzatura, che ora ha un nome: tanoressia. Potrebbe aver bisogno di aiuto per curare non solo i danni alla pelle, ma anche ciò che le accade a livello psicologico”, ha aggiunto.

”Mamma Abbronzata” rischia fino a 10 anni di carcere

Secondo la Skin Care Foundation, chi utilizza apparecchiature abbronzanti al chiuso ha una probabilità quattro volte maggiore di sviluppare un melanoma. Inoltre, sempre secondo la fondazione, i lettini solari emettono una quantità di raggi UV da 12 a 15 volte superiore a quella del sole.

Il Dr. Zeichner ha detto che Patricia soffre di un disturbo di dismorfofobia corporea, in cui si è costantemente insoddisfatti del proprio aspetto.

“Pazienti di questo tipo si sottopongono costantemente a procedure cosmetiche elettive: interventi chirurgici, trattamenti laser, botox e filler”, ha spiegato. “E questo include anche coloro che sono dipendenti dalla pelle abbronzata”.

Anche se la “mamma abbronzata” è stata rilasciata su cauzione di 25.000 dollari, Patricia rischiava fino a 10 anni di carcere se fosse stata condannata.

“Non è mai entrata”, sosteneva Patricia della figlia nel 2012. “Era bello fuori ed è entrata nella piscina per bambini. Lei ha i capelli rossi. Si è scottata”.

Ha anche insistito sul fatto che l’abbronzatura è una sua attività innocua e che non riguarda nessun altro se non lei stessa.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Tan Mom, Patricia Krentcil
Youtube/ABCNews

“Non ho fatto nulla di male. C’è qualcosa di sbagliato nel farsi le unghie o in chi fuma troppo o in chi mangia troppo?”. Chiese Krentcil.

“Se questo è un problema, perché non è stato detto anni fa?”.

Scagionata dalle accuse – si trasferisce in Florida

Nel febbraio 2013, Patricia è stata scagionata dall’accusa di aver messo in pericolo un bambino. I pubblici ministeri hanno dichiarato che il gran giurì si è rifiutato di incriminarla.

Ma nonostante fosse tecnicamente fuori pericolo, le madri di tutto il Paese hanno continuato a criticare il suo modo di essere genitore. Patricia ha risposto chiamandole grasse e brutte.

“Ci sono persone là fuori, per tutta la mia vita, a cui io non piaccio, perché sono gelose, grasse e brutte”, ha detto la mamma, secondo il Daily Mail.

“Guardatevi allo specchio e guardate voi stessi invece di guardare me. Mi dispiace di essere abbronzata. Mi piace essere abbronzata. Mi fa sentire bene. Ma penso davvero che queste mamme… debbano fare un passo indietro e allontanarsi”.

La madre di cinque figli è stata una sensazione virale, anche se la sua fama è diventata un incubo. I media e i paparazzi l’hanno seguita ovunque, è stata presa in giro da Kim Kardashian e da uno sketch del Saturday Night Live.

Alla fine è diventato troppo. Ha iniziato a bere e la famiglia ha deciso di trasferirsi a Tampa, in Florida, per ricominciare da capo.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Tan Mom, Patricia Krentcil
Youtube/World of Adam Barta

Inoltre, Patricia Krentcil ha dichiarato che i suoi figli Ashley, 18 anni, Alec, 17 anni, e Austin, 15 anni, sono stati “tormentati a scuola” dopo l’incidente.

”Mamma Abbronzata” voleva trarre profitto dalla sua fama

Un anno dopo la caduta delle accuse, Patricia “Tan Mom” Krentcil ha deciso di voler essere protagonista della sua storia.

Ha dichiarato alla rivista In Touch che intendeva recitare in un film per “raccontare tutto quello che è successo”. Avendo migliaia di dollari di spese legali da pagare e con il marito Rich senza lavoro, voleva far soldi dalla sua nuova fama.

Oltre al film, Patricia sperava di avviare una propria linea di lozioni abbronzanti chiamata “Real Tan Mom Healthy Glow” e di scrivere un libro. Ha anche affermato di essere stata sommersa da lavori come modella a New York, Londra e Parigi.

“Non è nemmeno lontanamente finita”, ha detto a proposito del suo momento sotto i riflettori. “Tutti mi vogliono. Ho molte altre opportunità, quindi sto solo cercando di capire dove trasferire la mia famiglia”.

Poi, nel giugno 2019, “Tan Mom” ha rischiato di perdere la vita.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Tan Mom, Patricia Krentcil
Instagram/realtanmom

Secondo Adam Barta, amico di Patricia, in una dichiarazione rilasciata a US Weekly, la donna era in condizioni critiche a causa di complicazioni dovute a una polmonite. Tutta la famiglia si è trasferita in Florida per starle accanto.

“Al momento è ancora attaccata al supporto vitale (tramite intubatore) e in un sonno medico indotto finché il suo cuore e i suoi polmoni non saranno abbastanza forti da funzionare da soli”, ha dichiarato Barta a US Weekly.

“Il liquido sta defluendo dai polmoni e oggi sta migliorando, ma non è ancora fuori pericolo”.

Questa è la “Mamma Abbronzata” oggi – foto

“Le stanno somministrando antibiotici molto forti per debellare l’infezione, quindi il suo sistema sta subendo un duro colpo. Personalmente ritengo che la notte scorsa sia stata il punto di svolta più critico, e lei ce l’ha fatta, quindi continuerà a migliorare. Il piano attuale è di cercare di estubarla e rianimarla domani o martedì, a patto che mantenga questa traiettoria”, ha aggiunto.

In seguito è stato rivelato che Patricia aveva subito un arresto cardiaco e le erano state diagnosticate polmonite, pancreatite e un’infezione che si era diffusa ai polmoni.

Per fortuna Patricia se l’è cavata e oggi sembra stare meglio che mai. Le foto sul suo profilo Instagram la mostrano sorridente e felice, anche se le cicatrici dei suoi giorni di abbronzatura sono facilmente visibili.

Tan Mom, Patricia Krentcil
Instagram/realtanmom

Nell’aprile del 2021, ha parlato del suo passato al NY Post, affermando che l’incidente di sua figlia e del centro abbronzatura non è qualcosa su cui si sofferma. Invece di cercare di nascondersi, oggi abbraccia la sua identità di “mamma abbronzata”.

Ha anche detto che si abbronza ancora due volte alla settimana nel suo lettino abbronzante.

“Non mi dà più fastidio. Sono due persone distinte”, ha spiegato Patricia al The Post.

“C’è la mamma abbronzata, la celebrità, e poi c’è Patricia Marie, la mamma”.

Cosa ne pensate di questa storia? Pensate che i centri abbronzatura debbano essere legali o che debbano essere tutti chiusi? Esprimete la vostra opinione nella sezione dei commenti.

Nel frattempo, condividete questo articolo su Facebook con amici e familiari.

LEGGI DI PIÙ: Elena Sofia Ricci, 60, dice no alla chirurgia plastica – si piace ”così, anche più di quando aveva 20 anni”

LEGGI DI PIÙ: Donna di 54 anni decide di lasciare i capelli bianchi al naturale – ora ispira migliaia di donne