Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

5 ragioni chiave del perché al momento c’è una crisi del ruolo del genitore

La tata inglese Emma Jenner del programma televisivo “Take Home Nanny” si è presa cura di bambini (e genitori) per molto tempo.

Adesso sta condividendo i suoi pensieri sul perché i genitori moderni spesso falliscano nel crescere bene i loro figli. Stando a quanto dice Emma, come ha scritto Huffington Post, sono 5 i motivi principali della crisi del ruolo di genitore attuale.

1. Lasciamo che i nostri figli ci comandino a bacchetta

Vi è mai capitato? Siete seduti a tavola per fare colazione e date a vostra figlia una tazza rossa. Ma lei la vuole blu. Perciò vi alzate e la cambiate per paura che si arrabbi e inizi a piangere…

Stando a quanto dice Emma Jenner, questo è un pessimo modo di avere a che fare con una situazione del genere. Perché abbiamo così paura di ciò che potrebbe succedere se nostra figlia non avesse la tazza che vuole? Dopo tutto, siamo noi quelli che dovrebbero decidere come far funzionare le cose in casa, non i nostri figli…

Emma dice che dovremmo far fare ai nostri figli i capricci, ma di andare in un’altra stanza per non sentirli.

Inoltre pensate anche a ciò insegna ai vostri figli fargli sempre avere ciò che vogliono. Se vi fate mettere i piedi in testa, loro imparano che possono sempre avere quello che vogliono. Gli basterebbe solo arrabbiarsi. Questo non va bene per nessuno, bambini inclusi.

2. Siamo poco severi con i nostri figli

Quando un bambino perde e fa la scenetta, che sia a casa, o al supermercato o al ristorante, molti genitori pensano semplicemente che i bambini siano fatti così.

Ma è davvero così? Stando a quanto dice Emma, i bambini capiscono molto di più di quanto pensino i loro genitori e i genitori dovrebbero aspettarsi molto di più da loro.

Dopo tutto parliamo di cose basilari come il rispetto, la generosità, le faccende di casa e l’autocontrollo. Pensiamo davvero che i nostri figli non ne siano capaci? Pensiamo davvero che i nostri bambini non possano stare seduti durante una cena al ristorante?

Dovremmo credere un po’ in loro, accrescere le nostre aspettative, e insegnare loro come comportarsi nel modo corretto.

L’unico motivo per il quale i bambini non si comportano adeguatamente è perché non gli abbiamo insegnato come farlo. Adottiamo standard più severi!

Pixabay

3. Nessuno osa più dire nulla

In passato, avrebbero parlato molte persone se i nostri figli si fossero comportati male, come l’autista dello scuolabus, gli insegnanti, le mamme dei loro amici o qualsiasi altro adulto della loro vita.

Jenner lo chiama “il villaggio”. Tutti si prendevano la responsabilità dei bambini attorno a loro e si assicuravano che si comportassero bene e che stessero bene.

Al giorno d’oggi invece, è quasi impossibile che un insegnante o un autista dello scuolabus riesca a criticare il figlio di qualcun altro. Il motivo? La maggior parte dei genitori si arrabbia con chiunque osi dire qualcosa di negativo sui loro figli, insegnanti compresi.

Il consiglio di Emma è lodare gli altri genitori quando li vediamo non arrendersi alle richieste dei propri figli. Dovremmo anche ascoltare ciò hanno da dire gli insegnanti prima di alzare un polverone in classe. Potremmo tutti allentarci un po’ e non essere così sensibili, dice Emma.

4. Siamo sempre alla ricerca di scorciatoie per il ruolo di genitore

Al giorno d’oggi i bambini hanno accesso a smartphone, tablet, TV e altri apparecchi elettronici che per noi genitori potrebbero rendere le cose più facili. Ma è fin troppo facile sia per i figli che per i genitori abituarsi al fatto che si intrattengano per tutto il tempo, dice Emma.

Ovviamente questi dispositivi possono rendere più semplici alcune situazioni, ma il problema è che i bambini non imparano ad essere pazienti e non riescono a lottare contro la noia.

I bambini dovrebbero riuscire ad intrattenersi da soli. Tutti quanti a volte ci annoiamo e sfortunatamente dobbiamo imparare a conviverci. Ed è molto meglio scoprirlo da bambini piuttosto che da adulti.

Max Pixel

5. I genitori mettono i bisogni dei figli prima dei loro

Che ci crediate o no, dipende tutto dai bisogni e dai sentimenti dei nostri bambini. Emma usa l’esempio di un papà che lascia perdere tutto ciò che sta facendo per aiutare suo figlio a fare qualcosa di semplicissimo o una mamma che si alza moltissime volte durante la notte per prendersi cura di suo figlio.

Al giorno d’oggi noi mamme e papà abbiamo dimenticato i nostri bisogni e ci concentriamo solo su quelli dei nostri figli.

Quindi qual è il problema?

Emma dice che esaudire i sogni dei nostri figli non è di per se un problema, ma che a volte ai nostri bambini farebbe bene aspettare un po’ prima di ricevere ciò che vogliono.

Non c’è niente di male nel dire al nostro bambino che ha sete di aspettare un po’ per poter raggiungere un posto in cui comprare da bere. E non c’è niente di male nel dire qualche “no” o chiedere ai figli di giocare mentre mamma e papà si prendono un po’ di tempo per loro.

Pixabay

Se non facciamo niente per questi problemi, finiremo col crescere bambini viziati, dice Emma.

Avremo un’intera generazione di bambini che hanno imparato ad essere egoisti, impazienti e rudi. E la cosa tragica è che la colpa non è loro ma nostra.

Ma se ci prendiamo le nostre responsabilità, condividiamo le nostre esperienze, ci aspettiamo un po’ di più da loro e li prepariamo a stare al mondo, il futuro sarà più brillante. Siete d’accordo? Per favore condividi e aiutaci a diffondere questi consigli!