Alla donna dicono che è “troppo brutta” per farsi i selfie ma lei risponde in modo perfetto

A volte il mondo può essere un luogo davvero crudele.

Anche se ci viene insegnato di non giudicare un libro dalla copertina e che la bellezza non è solo un fatto esteriore, molte persone continuano a ritrovarsi vittime di bullismo. Spesso proprio a causa del loro aspetto fisico.

La giornalista e scrittrice Melissa Blake lo sa fin troppo bene. Il suo saggio sulle disabilità, le relazioni e la pop culture è stato fonte d’ispirazione per persone in tutto il mondo. E comunque lei continua a ritrovarsi vittima di insulti riguardanti il suo aspetto.

Melissa ha 38 anni e ormai è abituata a sentirsi chiamare “pesce blob” oppure “faccia di patata”.

Per fortuna lei ha risposto nel modo giusto a tutto quell’odio.

Melissa Blake è nata con la sindrome di Freeman-Sheldon, un difetto congenito raro. Nella sua vita ha subito 25 operazioni e usa una sedia a rotelle per spostarsi.

Un sintomo comune della sindrome di Freeman-Sheldon è avere un viso con un aspetto diverso, con caratteristiche come bocca piccola e “schiacciata” e cartilagine del naso ridotta.

Nel caso di Melissa, queste differenze hanno fatto sì che venisse maltrattata online. L’otto settembre ha usato Twitter per rispondere ai commenti crudeli ricevuti. Una persona le aveva detto che sembra un pesce blob e un’altra una patata.

Un’altra persona ha addirittura suggerito che venisse bloccata perché troppo brutta per i social.

“Le persone si chiedono come mai io abbia lottato così tanto con l’accettazione di me stessa, ma pensiamo al mio aspetto e a ciò che la nostra società definisce “bello”. È a causa di commenti come questi – commenti che mi respingono e che mi ritengono indegna,” ha raccontato Melissa.

“Questo è solo un altro esempio di ciò che devono affrontare ogni giorno le persone con una disabilità ed è qualcosa che io cerco sempre di cambiare.”

Tuttavia, Melissa fa in modo che i suoi tormentatori non la abbattano e ha sempre la risposta perfetta da dare. Quando le dicono che dovrebbe smettere di caricare foto, lei ne carica altre.

“Le persone hanno detto che avrebbero dovuto impedirmi di caricare foto mie perché sono troppo brutta. Perciò vorrei celebrare l’occasione pubblicando questi 3 selfie…”

https://twitter.com/melissablake/status/1170481393673166849?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1170481393673166849&ref_url=https%3A%2F%2Fen.newsner.com%2Ffamily%2Fwoman-told-shes-too-ugly-for-selfies-hits-back-at-online-trolls%2F

Il suo tweet di risposta ha sicuramente avuto il risultato sperato. Da quel momento su Twitter ha ricevuto più di 278.000 mi piace e i suoi fan l’hanno elogiata per il suo coraggio e la sua forza.

Inoltre, il lavoro di Melissa al momento è più popolare che mai. Coloro che volevano distruggerla hanno fallito miseramente!

Nella società moderna non c’è spazio per il bullismo. Mi fa stare male pensare ai codardi che si nascondono dietro una tastiera e infastidiscono gli altri semplicemente per mascherare le loro insicurezze.

Melissa Blake, sei una vera fonte d’ispirazione. Ti auguriamo tutto il meglio.

Condividete questo articolo su Facebook se anche voi siete orgogliosi di Melissa.