Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

I badanti non sanno che filma di nascosto la stanza della madre – il video fa infuriare internet

Non ero molto grande quando mia nonna è stata portata alla casa di riposo. Era malata e sapevamo che non le restava molto da vivere.

Amavo mia nonna, le telefonavo al mattino presto quando mio padre e mia madre non erano ancora svegli.

Rispondeva sempre e diceva che non stava dormendo. Solo anni dopo ho scoperto che in verità, la maggior parte delle volte, ero io a svegliarla.

Non dovremmo mai smettere di apprezzare i membri anziani delle nostre famiglie. È per questo che questa storia è così importante, nonostante sia molto dolorosa da leggere.

Quando mia nonna andò alla casa di riposo, fu subito chiaro che non le piaceva che gli altri facessero per lei qualcosa che prima riusciva a fare da sola. Era molto imbarazzata di non riuscire a farcela. Probabilmente, l’aspetto più difficile della sua condizione era dover indossare il pannolone.

Abbiamo già parlato degli abusi sugli anziani, ma questo è probabilmente il caso peggiore che abbia mai visto.

Camille pensava di aver trovato un’ottima sistemazione per sua madre Helen che soffriva di Alzheimer. La casa di riposo veniva descritta come piena d’amore e premurosità.

Dopo un po’, Camille ha iniziato a sentire puzza di bruciato – c’era qualcosa che non andava. Poi un giorno, ha trovato sua madre con un occhio nero. Ne aveva avute abbastanza, perciò ha installato una telecamera nascosta.

Camille ha scoperto presto l’impensabile. Nonostante avesse messo la telecamera, continuava a sperare e a sentire che non poteva essere vero che succedesse qualcosa di male.

Dopo aver guardato i video, ha scoperto che non solo una volta, ma anzi molto spesso il personale della casa di risposo abusava di sua madre.

Nel video qui sotto, tra le altre cose, vediamo un membro dello staff soffiarsi il naso nelle lenzuola di Helen. Vediamo anche due dipendenti che amoreggiano nella sua stanza mentre lei è visibilmente a disagio.

Molti altri abitanti della casa di riposo vanno nella sua camera e le rubano oggetti senza che nessuno dica niente o li fermi. La cosa peggiore di tutte, è quando un lenzuolo colmo di feci le viene sbattuto in faccia.

Non ho parole e posso solo immaginare che queste cose succedano anche ad altre persone all’interno della struttura.

Quando Camille mostra i filmati al direttore Alan Cavell, lui conferma che sono stati un fallimento. Promette di migliorare in modo visibile le procedure e la sicurezza dei residenti in modo da assicurare che comportamenti del genere non si ripetano mai più.

Tutto il personale che si è comportato male è stato licenziato, anche se uno di loro è stato reinserito dopo che Camille ha deciso di non voler più lasciare sua madre in quel luogo. Il manager è stato licenziato in seguito all’accaduto.

Nessun membro dello staff è stato perseguito penalmente, con grande disappunto di Camille.

Helen, che è morta a settembre 2016, era madre di sette figli. Era stata un’infermiera durante la Seconda guerra mondiale, prima di dover fuggire dai nazisti ed emigrare in Canada. Grazie alla supervisione di suo figlio, Helen ha potuto concludere la sua vita in modo dignitoso.

Qui sotto si può guardare il video sui brutti comportamenti. Visione a discrezione dell’utente.

 

Leggere ripetutamente di brutti comportamenti e abusi nelle case di riposo mi fa ribollire il sangue.

Non so come avrei reagito se a subire fosse stato un mio parente. È molto importante aiutarsi a vicenda e condividere questa storia così che più persone prestino attenzione a questo tipo di incidenti. Nessuno dovrebbe mai provare niente del genere, è veramente inaccettabile!