Bambina di 10 anni tenta il suicidio – la mamma viene derisa dai genitori della bulla che la prendeva in giro

Lilly-Jo Caldcott viene descritta come un raggio di sole dalle persone che le vogliono bene.

Come qualsiasi altra bambina di 10 anni amava giocare con le amiche, esplorare la natura e trascorrere del tempo con la famiglia.

Quando però ha iniziato a non voler più partecipare alle attività sociali e smettere di mangiare, sua madre ha capito che qualcosa non andava.

Tuttavia, la mamma non avrebbe mai immaginato l’incubo in cui si sarebbe ben presto ritrovata.

Qualche settimana dopo aver iniziato le medie a Worcester, in Inghilterra, Lilly-Jo ha iniziato a non voler più andare a scuola. Ha ammesso subito che a scuola aveva problemi con un’altra bambina, ha detto sua madre.

Il bullismo, sia fisico che psicologico, ha iniziato a peggiorare sempre di più e Lilly-Jo era sempre più in disparte.

Non è cambiato nulla

Per lei andare a scuola ogni mattina era diventato un tormento ed era sempre più stanca e stressata. Non mangiava e si stava ammalando.

Sua madre ha raccontato a Worcester News che in un periodo di 12 settimane è andata a scuola tutti i giorni per parlare con il personale e tentare di risolvere il problema, ma non è cambiato nulla.

Facebook

In una lettera al preside la mamma di Lilly-Jo ha parlato di ciò che stava subendo la figlia.

“Le ha tirato i capelli, l’ha spinta e schiaffeggiata, inoltre le ha chiuso in faccia lo sportello dell’armadietto, oltre ad averlo calpestato una volta rotto. E la lista non finisce qui.”

“Altre due settimane e sarebbe morta”

Poi un giorno sua madre ha dovuto portarla dal medico dopo che Lilly ha ammesso di aver assunto un numero imprecisato di pasticche.

Il dottore ha detto a Jess di portarla immediatamente al pronto soccorso perché mostrava segni di disorientamento. Ha trascorso la notte in ospedale e il giorno seguente era in condizioni stabili.

Posted by Jess Brown on Sunday, 28 January 2018

 

“Ho una figlia che trascorrerà il suo compleanno in ospedale a farsi esaminare da psichiatri,” ha detto Jess.

Dopo tutto quello che le è successo a scuola, una bambina un tempo felice e piena di vita, è finita con il tentare il suicidio. “Il dottore ha detto che se avessi aspettato altre due settimane sarebbe morta. Io non seppellirò mia figlia,” ha detto Jess.

La mamma l’ha ritirata da quella scuola e oggi la bambina è in grado di parlare di quello che le è successo.

“Molto seriamente”

Il preside ha detto di aver agito immediatamente una volta saputo del bullismo.

“Questa scuola prende molto seriamente ogni accusa di bullismo, che si tratti di razzismo, omofobia, bullismo legato al sesso o a una disabilità,” ha detto il preside.

“La nostra scuola ha una politica anti-bullismo molto severa.”

Quando una bambina di 10 anni prova ad uccidersi a causa del bullismo, dovremmo riflettere attentamente nei confronti della nostra società e del sistema educativo, nonostante i tentativi di risolvere la situazione.

Grazie al cielo i dottori sono riusciti a salvare Lilly-Jo, ma purtroppo non è sempre così e alcuni genitori perdono i loro figli troppo presto. I giovani che raccontano di essere continuamente vittime di bullismo corrono un rischio maggiore di avere comportamenti di tendenza suicida e di conseguenza problemi mentali e fisici molto negativi.

Posted by Jess Brown on Saturday, 2 March 2019

 

Nessuno dovrebbe perdere un figlio a causa del bullismo. Raccontiamo la storia di Lilly per mettere in luce questo argomento importante e far comprendere a tutti le conseguenze del bullismo.

Puntiamo a farlo leggere a più persone possibili e far capire loro quanto possa essere brutto il bullismo. Forse riusciremo a evitare che in futuro qualcuno subisca quello che ha subito Lilly-Jo.

Se questa storia vi ha commossi, condividete l’articolo per far conoscere a più persone possibili il problema del bullismo con la speranza di salvare le vite di altri bambini.