Bambina nasce con 150 fratture nel corpo – 27 anni dopo sono tutti sbalorditi quando partorisce

Se c’è una volontà d’acciaio, non c’è quasi nulla che possa ostacolare i sogni e gli obiettivi di una persona.


È esattamente ciò che possiamo dire di Trisha Taylor, dell’Idaho, negli USA.


A causa di una malattia rara è alta solamente 86 cm. I medici le hanno sempre detto che una eventuale gravidanza avrebbe potuto schiacciarla.

Perciò, se temeva per la sua vita, doveva prepararsi a vivere senza figli, ha scritto il Daily Mail.


Ma anni dopo, ha lasciato tutti a bocca aperta.

Ogni giorno nascono centinaia di migliaia di bambini in tutto il mondo.
È incredibile pensare che però nessuno è uguale agli altri e ogni persona è unica.


Quando nasciamo scopriamo un mondo completamente nuovo e con l’aiuto dei genitori riusciamo a crescere ed andare avanti.

Più cresciamo più si crea la nostra identità e, quando siamo finalmente grandi, possiamo plasmare le nostre vite come vogliamo.


Ma per Trisha Taylor la vita non è stata per nulla facile.

Little baby Trisha #oibaby #osteogenesisimperfecta #babygirl #wheelchairusers

Posted by And She Did on Monday, June 29, 2020

Trisha è nata il 3 agosto 1989 affetta da osteogenesi imperfetta; ciò significa che le sue ossa si rompono molto facilmente.


Non ci si può mai sbarazzare completamente dell’osteoporosi, ma vari trattamenti possono alleviarne i sintomi, ha scritto 1177.

Nata con fratture


A causa di questa malattia, Trisha è nata con 150 fratture in tutto il corpo, ha scritto il Daily Mail.


Inoltre, non era come nessun altro bambino, perché a causa della malattia è alta solamente 86 cm.

Ma questo per lei non è mai stato un ostacolo.


Trisha ha sempre visto la vita come una grande sfida che è felice di affrontare.

Al fine di prevenire gravi lesioni del corpo, Trisha ha investito tutto nel miglioramento di se stessa e nel diventare più forte.


Voleva diventare più indipendente di modo da poter scendere dalla sedia a rotelle al momento del bisogno.


“È tutto ciò che conosco, quindi per me è del tutto normale sedermi su una sedia a rotelle,” ha detto.


“Sono cresciuta in una piccola città e ho avuto più o meno gli stessi compagni di classe durante tutti gli anni scolastici. Alla fine era diventata la normalità anche per loro. Non sono cresciuta come disabile e nessuno nella mia scuola mi vedeva come disabile.”

Aiuto per respirare


A causa della sua rara malattia, anche la respirazione per lei è una sfida.

Infatti, è costretta a portare con sé una macchina per l’ossigeno ovunque vada, 24 ore al giorno.

Sono passati gli anni e un giorno è cambiato tutto.


Ha conosciuto il suo grande amore, il camionista Michael.

È nata una storia d’amore e presto la coppia ha deciso di fare il grande passo e sposarsi.


Il sogno di avere figli

Sia Michael che Trisha sognavano un giorno di diventare genitori. Ma a causa della sua malattia sapeva che sarebbe stato difficile.


“È stato il mio primo ragazzo serio. Avevo già frequentato uomini prima, ma mi sentivo a disagio a causa delle mie condizioni. Di me dicevano che non avremmo potuto sposarci né avere dei figli, ma con Michael è stato completamente diverso. Abbiamo parlato di avere figli e lui ha detto che non era una cosa così importante per lui.”

9 years ago I posted this to Facebook! This is love! This is hard work and commitment even in rough times! #marriedlife…

Posted by And She Did on Friday, July 31, 2020

Nel 2014, dopo tre anni di matrimonio, Trisha ha deciso di smettere di utilizzare contraccettivi. Sentiva che era il momento di provare ad avere figli.


Ma c’era un grande problema.


A causa della sua osteoporosi, i medici le hanno consigliato di non rimanere incinta.


Il consiglio dei dottori


I medici le hanno detto che una gravidanza poteva essere pericolosa perché il feto avrebbe aggiunto peso al suo corpo e alle sue ossa.


La sua malattia avrebbe potuto portare rischi sia per la mamma che per il bambino.


“Gli ho detto che volevo esempi specifici di ciò che pensava sarebbe successo, e non di ciò che sarebbe potuto accadere. Alla fine mi sono resa conto che non era scontato che sarebbe andato tutto storto, quindi ci abbiamo provato.


Volevo diventare madre e non mi interessava mettere a rischio la mia salute. È stata una mia decisione e nessuno avrebbe potuto fermarmi, nemmeno Michael.”


Ed è stato così.

Gravi perdite


Nel maggio 2014 Trisha si è sentita male e ha fatto un test di gravidanza. È risultato positivo.


La coppia ha iniziato a pianificare la propria vita anche se Michael era preoccupato per la salute di sua moglie.

Tre settimane dopo ha avuto un aborto spontaneo. Ma 11 mesi dopo è arrivata un’altra notizia.


Era di nuovo incinta.


Quando era di 12 settimane purtroppo la storia si è ripetuta e ha perso il bambino.

“Non so se c’entrasse qualcosa con la mia malattia, i dottori non hanno mai fatto dei test. Mi hanno detto che se avessi avuto un terzo aborto spontaneo avrebbero indagato sulla questione.”


Nell’agosto 2015 Trisha aspettava un altro bambino.

My maternity photographer found these for me! Look at that belly! It was about a week and a half before I delivered!

Posted by And She Did on Friday, February 21, 2020

Trisha andava a fare ecografie ogni due settimane per tenere sotto controllo il bambino.


Nel frattempo aveva anche cambiato medico e il nuovo dottore era molto più positivo.

La coppia andava spesso in ospedale per accertarsi che andasse tutto per il meglio.


Con il passare delle settimane, hanno iniziato a pianificare il parto.

Having a chronic illness aka Osteogenesis Imperfecta (OI) and all the other medical issues that go along with OI. I am…

Posted by And She Did on Sunday, August 30, 2020

Messaggio dei medici


A causa della malattia di Trisha, il parto naturale non era possibile.

Maven, il figlio di Michael e Trisha, è nato a marzo 2016 con taglio cesareo.

Il bambino era sano e amato.


“Durante la gravidanza eravamo preoccupati che Maven ereditasse la mia osteoporosi. Ma un’ecografia fatta quando ero di 18 settimane ha mostrato che stava crescendo come avrebbe dovuto. Quando è nato i medici hanno confermato che non aveva la mia malattia.”

Poiché Maven non ha la stessa malattia della mamma, già a 2 anni era più alto di lei.

Maven and mama 4 years ago today! #tbt #love #bottlefed #breastmilk #hospitallife #blooddraw #andshedid #blogger #mommyson #disabledparenting #osteogenesisimperfecta

Posted by And She Did on Tuesday, September 15, 2020

Oggi, Trisha è più orgogliosa che mai.


“Per me l’altezza non è un grande problema,” ha detto. “Lo vedo come un buon segno: significa che è sano e cresce bene. Michael è alto 1.85 cm, perciò sapevo che anche Maven sarebbe diventato alto.”

Holding my boy on his first birthday! #wheelchairusers #1stbirthday #andshedid #blogger #biggerthanme #love #tbt #wheelchairmom #sleepybaby #youcandoanything #disabledparenting

Posted by And She Did on Sunday, October 4, 2020

Siamo molto felici per te e la tua famiglia, Trisha! Vi auguriamo tutto il meglio!

Ora potete seguirci su Instagram, per tante foto, video e contenuti in più!