Bambino di 2 anni in stato vegetativo dopo essere stato crudelmente picchiato dal compagno della mamma

Thomas Sullivan, un bambino di 2 anni del Texas, è stato picchiato così crudelmente dal compagno della mamma da essere ridotto a uno stato vegetativo, ha detto il Daily Mail.

La famiglia ha dichiarato che il bambino ora non sente altro che dolore. È stato portato in tutta fretta al reparto di terapia intensiva dell’ospedale pediatrico Texas Children’s Hospital Houston nel settembre 2018.

Il Daily Mail ha rivelato che il bambino ha riportato un gravissimo trauma cerebrale, così come lacerazioni al fegato, fratture multiple in tutto il corpo e delle ustioni.

✴️Boy, 2, battered into vegetative state where all he can feel is pain by mum’s abusive boyfriend✴️Toddler Thomas…

Posted by The Voice For The Voiceless on Saturday, 23 March 2019

 

I dottori credono che vivrà per sempre con delle disabilità mentali e fisiche proprio come risultato del maltrattamento che gli è stato inflitto dal compagno di sua madre, Adam Thomas.

Sarah Sullivan, zia del bambino, ha detto a The Courier che adesso il piccolo risponde solamente al dolore.

Ha detto: “Thomas respira da solo e poi si ferma. Non sta bene. Continuerà a vivere, ma ci hanno detto di prepararci al fatto che rimarrà in questo stato per il resto della sua vita.”

Something yall need to be aware of, is.that go fund me keeps track of all transactions made and every penny goes to my…

Posted by Sarah Kathleen Sullivan on Saturday, 23 March 2019

 

Anche la sorellina del bambino, Amery, è stata picchiata dal compagno della mamma e ha riportato ferite ad addome, costato e pube. La bambina ha 3 anni e dovrà essere operata per poter riparare gli organi danneggiati.

Pare che il compagno della mamma, Adam Thomas, 28 anni, abbia dei precedenti nei confronti di bambini circa della stessa età dei due fratellini, nonostante abbia cercato di affermare che le loro ferite siano state causate da una serie di sfortunati incidenti.

Adam Thomas ha ricevuto due ergastoli nel febbraio di quest’anno, mentre la mamma dei bambini ha ammesso con le autorità di non essere riuscita a prendersi cura dei suoi figli. È stata condannata a 20 anni di prigione lo scorso 7 marzo.

Il piccolo Thomas è ancora ricoverato e ha un’infermiera che lo segue 24 ore su 24. La famiglia sta lottando con i servizi sociali per la custodia della sorellina Amery. Hanno aperto una pagina GoFundMe per raccogliere fondi per poter curare Thomas e Amery.

Non c’è bisogno di dire che questo è uno dei casi peggiori di maltrattamento di minori mai visto. Riuscire a fare del male a un bambino innocente in questo modo va oltre ogni comprensione ed è disumano. Possiamo solo sperare che i responsabili siano costretti a riflettere su ciò che hanno fatto per il resto della loro vita.

Inviamo tutti i nostri pensieri e le nostre preghiere a questi due bambini che hanno vissuto qualcosa che non dovrebbe succedere a nessun bambino.

Condividete per far conoscere il problema della violenza sui minori.