Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Bambino di quattro anni scompare e non ritorna a casa – poi un bussare alla porta 25 anni dopo lascia tutti in lacrime

Essere dato in adozione lascia un segno profondo su un bambino. I bambini adottati si chiedono chi sono i loro genitori naturali, da dove vengono e che cosa ha fatto in modo che i loro genitori biologici di rinunciare al loro diritto di essere la loro mamma e papà. E anche il più felice bambino adottato si pone queste domande ogni tanto.

Saroo è nato in India ma adottato da una famiglia australiana quando aveva cinque anni. Ma la sua storia di adozione è molto diversa dalla maggior parte.

Saroo aveva un fratello di nome Guddu, che era di qualche anno più grande di lui.

Guddu guadagnava soldi pulendo treni, e un particolare giorno, ha portato Saroo con lui.

Guddu ha chiesto Saroo di aspettare sul treno mentre lavorava. Gli disse che sarebbe tornato presto, e Saroo era esausto così chiuse gli occhi per un attimo. Ma quando si svegliò, il ragazzino ha realizzato il treno era vuoto e non sapeva dove si trovava.

Saroo poteva né leggere né scrivere e non sapeva il cognome della sua famiglia o il nome della città in cui viveva.

Scese dal treno e cominciò a vagare per le strade di Calcutta completamente solo.

Presto un adolescente ha visto Saroo e si rese conto che si era perso. Ha portato il bambino a un rifugio per bambini abbandonati. E poiché Saroo non sapeva da dove venisse, e nessuno nella sua famiglia è venuto a prenderlo, è stato messo su una lista per l’adozione.

Saroo è stato adottato da una famiglia australiana ed ha ottenuto una nuova vita, lontano dalla povertà e il pericolo a cui era abituato. Ma ha anche perso la sua famiglia di origine.

La nuova mamma di Saroo ha messo una mappa dell’India nella sua stanza in modo che non avrebbe dimenticato da dove è venuto. La mappa gli ricordava l’India, e Saroo aveva spesso lampi dei suoi primi giorni nella sua città natale con la sua famiglia. Ma non ha mai ricordato abbastanza per aiutarlo nella sua ricerca.

Nel frattempo, la mamma di Saroo era alla ricerca di lui in India, senza sapere che suo figlio non era nemmeno nel paese.

 

Quando Saroo è diventato più grande, ha scoperto Google Maps e Google Earth, e si rese conto che avrebbe potuto usare le applicazioni per la ricerca per la sua città natale.

Saroo sapeva che deve aver vissuto nei pressi di Calcutta e ha iniziato lo zoom su posti nella zona circostante.

Molta gente pensava Saroo era alla ricerca di un ago in un pagliaio, ma non ha mai perso la speranza, anche erano passati 25 anni da quando ha visto l’ultima volta la sua famiglia.

Giorno dopo giorno, Saroo cercato la cartina – finché un giorno, finalmente ha visto qualcosa che riconobbe.

Saroo ha visto un ponte che sembrava il ponte alla stazione ferroviaria dove si è svegliato quel giorno e non riusciva a trovare il fratello.

Lentamente ma inesorabilmente, Saroo trovato più indizi e alla fine ha avuto il nome della sua città natale: Ganesh Talai. Non ci volle molto tempo prima che Saroo salì su un aereo per l’India per cercare la sua famiglia biologica. E ‘stato come un viaggio indietro nel tempo, ed è stato inondato con sempre più ricordi.

 

Infine, Saroo si è trovato nella casa dove ha trascorso i suoi primi anni. Il suo cuore cominciò a battere più forte. La sua famiglia vive ancora lì? L’avrebbero riconosciuto?

A pochi metri di distanza stavano tre donne. Immediatamente una di loro è andato fino a Saroo e lo prese tra le sue braccia. Lei era sua madre e  subito lo riconobbe.

La mamma di Saroo chiamò due dei suoi fratelli e disse loro che il loro fratello era apparso dal nulla. Tuttavia, nel bel mezzo della sua riunione, Saroo ha avuto qualche tragica notizia. Suo fratello Guddu, che era stato con lui alla stazione ferroviaria, quel giorno, è stato trovato un mese dopo la scomparsa. Era stato colpito da un treno ed è morto.

 

Trovare la sua famiglia era come trovare un ago in un pagliaio, ma l’ago era lì. E grazie alla sua tenacia, Saroo è riuscito a avere successo.

Dal momento della riunione, Saroo ha continuato a inviare denaro alla sua famiglia biologica così sua madre non ha bisogno di lavorare più.

 

Nella maggior parte dei paesi, a cinque anni si gioca con i giocattoli, si va a scuola, e divertirsi. Ma in India, molti bambini a quell’età hanno già iniziato a lavorare per contribuire a sostenere la loro famiglia.

La storia di Saroo ha un lieto fine, ma non tutti i bambini hanno lo stesso viaggio. Crescono in estrema povertà e non hanno né cibo, né un tetto sopra la testa.

Nel 2015, Saroo ha scritto un libro sulla sua nascita chiamato “A Long Way Home”. Il libro è stato realizzato anche in un film intitolato “Leone”.

Guarda un video sulla storia di Saroo qui:

Condividete la storia di Saroo con i tuoi amici su Facebook. E ‘la prova che non bisogna mai mollare!