Camionista pentito della sua decisione “idiota” di partecipare a una festa muore di Covid-19 poche ore dopo

Per molte persone, sono passati mesi da quando hanno visto per l’ultima volta amici e parenti. Perciò, quando le restrizioni si sono allentate un po’ e si sono stancati di aspettare il “via libera”, alcuni sono andati a trovare i propri cari, rischiando la loro salute e quella degli altri.


Quando in California le cose hanno iniziato a diventare un po’ più facili, Thomas Macias ne ha approfittato ed è andato a una festa. Alcuni giorni dopo ha scoperto che qualcuno a quella festa era risultato positivo al Covid-19.


Thomas ha scritto un commovente post su Facebook in cui ha parlato di essersi pentito di aver partecipato. Il giorno dopo è morto di Covid-19.

"Because of my stupidity I put my mom and sisters and my family's health in jeopardy… This is no joke," Thomas Macias wrote.

Gepostet von CBS News am Donnerstag, 2. Juli 2020

Secondo Gus Lopez, il cognato di Thomas, Thomas è stato molto attento all’inizio della pandemia.


“Lui aveva il diabete, perciò ha fatto di tutto per stare in isolamento e quando usciva indossava la mascherina,” ha detto Gus a CBS News.


Tuttavia, dopo che il governatore Newsom a inizio giugno ha sollevato alcune restrizioni, un amico di Thomas ha organizzato un barbecue e il cinquantunenne ha deciso di partecipare.


Poco dopo la festa, Thomas e andato a trovare sua sorella e il cognato Gus ed è lì che i suoi parenti hanno notato che qualcosa non andava.


“Ci siamo accorti che non stava molto bene, era sudato,” ha detto Gus Lopez. “Lui pensava fosse colpa del suo diabete.”


Ma non era il diabete.


“Da quello che sappiamo, un uomo gli ha telefonato e gli ha detto: ‘Ehi, io ero alla festa e sapevo di essere positivo. Non l’ho detto a nessuno’,” ha raccontato Lopez ad ABC7. “Credo che l’uomo si sia pentito di non averlo detto a nessuno e abbia telefonato a coloro che erano a quella festa per consigliare di farsi esaminare.”


Thomas ha fatto il tampone ed era positivo.


Il 20 giugno ha espresso il suo pentimento per aver partecipato a quella festa.


“Ho fatto una ca**ata, un paio di settimane fa sono andato a una festa e ho preso il coronavirus,” dice il post. “A causa della mia stupidità, ho messo a rischio la salute di mia madre, delle mie sorelle e della mia famiglia. È stata un’esperienza molto dolorosa. Non è uno scherzo. Se dovete uscire indossate la mascherina e rimanete distanziati.”


Il giorno seguente è stato portato in ospedale in ambulanza. È stato attaccato al respiratore ed è morto il giorno stesso.

GoFundMe

“All’inizio, da quello che ci ha detto, era arrabbiato perché quella persona è uscita sapendo di avere il virus senza dirlo. Ma poi ha detto che pian piano si è trasformata in rabbia con se stesso per essersi messo in quella situazione,” ha detto Gus Lopez.


Gus crede che nessun membro della famiglia abbia contratto il coronavirus da Thomas.


“Questo uccide le persone. Tutti dovrebbero seguire le linee guida – non perché ce lo chiede il governo, ma perché lo dicono medici ed esperti, persone che davvero sanno di cosa si tratta.”


Non possiamo abbassare la guardia. Dobbiamo continuare a praticare il distanziamento sociale e indossare la mascherina. Attualmente non esiste una cura e non esiste un vaccino contro il Covid-19.


Condividete l’articolo per incoraggiare tutti a praticare il distanziamento sociale e comprendere l’importanza della mascherina. E soprattutto restare a casa se si è malati.