Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Compra una vecchia macchina fotografica a Goodwill – sviluppa le foto e trova l’improbabile

C’è qualcosa di speciale in macchine fotografiche d’epoca e vecchie fotografie in bianco e nero, che è probabilmente il motivo per cui Kati Dimoff le colleziona.

Ogni volta che ha la possibilità, Kati cerca vecchie pellicole nei negozi Goodwill nella sua città natale di Portland, Oregon. Il suo scopo è quello di scoprire i tesori perduti e dimenticati che sono spesso lasciati sulle pellicole  non sviluppate.

E questo è esattamente quello che è successo mentre Kati stava frugando in giro in un negozio di Goodwill di recente.

Ha trovato una macchina fotografica che conteneva una vecchia pellicola di una marca di film che non è stata fatta per anni. E quando ha avuto la pellicola sviluppata, Kati ha visto alcune foto uniche che non solo sono state solamente scattate durante uno speciale momento storico, ma contenevano anche un momento di tenerezza che significava tutto per uno sconosciuto nella sua città.

© Facebook

recentemente, un fotografo dell’ Oregon  Kati Dimoff trovato una macchina fotografica Argus C2 in un negozio di Goodwill a Portland.

L’Argus C2 era una macchina fotografica prodotta in serie che è stata fatta nel Michigan tra il 1939 e il 1966.

© Kati Dimoff/Facebook

La fotocamera conteneva anche un vecchio rotolo di pellicola all’interno.

Kati ha fatto sviluppare le foto nella remota possibilità che contenessero qualcosa di interessante. E quandola pellicola è tornata, Kati era stupita di vedere le immagini di cenere fluttuanti sopra Portland quasi 40 anni fa.

Si scoprì che molte delle immagini sono state scattate nel 1980  durante la famigerata eruzione del Mount St. Helens.

© Kati Dimoff/Facebook

L’eruzione del Monte St. Helens, nel 1980 è stata la più mortale e più dannosa eruzione vulcanica nella storia degli Stati Uniti.

Il vulcano si trova nella parte meridionale dello Stato di Washington, ma il fumo e la cenere poteva essere visto chiaramente dalla vicina Portland, Oregon. In realtà, la cenere è salita a 80.000 piedi e si è diffusa in 11 stati.

© Facebook

Il disastro ha ucciso 57 persone, e l’energia termica rilasciata dalla eruzione fù di 1.500 volte la dimensione della bomba atomica sganciata su Hiroshima.

© Facebook

ma il rotolo di pellicola non solo contiene immagini uniche dalla eruzione vulcanica.

Quando le foto di Kati sono state pubblicate dal The Oregonian, il giornale comprendeva anche una foto di una famiglia.

Molti lettori si chiedevano a chi fosse appartenuta la macchina fotografica. Ma la foto della famiglia e un’altra immagine di una casa hanno contribuito a risolvere il mistero.

Un uomo di nome Melvin Purvis è stato in grado di identificare l’ex proprietario dellamacchina fotografica: la nonna.

“La foto sembra che sia stata fatta  proprio di fronte a casa di mia nonna”, ha detto Melvin a FOX19.“Ho cliccato su di esso e sono andato giù guardando le foto, e c’era una foto di mia moglie, mia nonna, mio figlio, ed io.”

© YouTube

Dal momento che la nonna e la madre di Melvin non sono più in vita, era felice di vedere finalmente le immagini e avere l’ultima foto di loro tutti insieme.

Kati gli ha inviato le foto originali.

“Mia nonna morì nel settembre del 1981, quindi la foto è una delle ultime che ho di lei”, spiega Melvin.

La madre di Melvin, che è dietro la macchina fotografica, è scomparsa all’inizio di questo mese.

“E ‘morta nella mattinata di Sabato, il 10 giugno. E poi, qualche giorno dopo, tutto questo si presenta di punto in bianco. Io non sono affatto una persona religiosa, ma ti fa pensare un po’ … però è un coincidenza. La tempistica è notevole, immagino,” dice.

Non è sorprendente che alcune vecchie foto in bianco e nero passono contenere una storia così interessante? Condividi se pensi che anche questa storia era affascinante!