Donna in coma sente il marito sussurrarle qualcosa quando stanno per staccarle la spina, ma lei lotta

È stato Steven a trovare sua madre Lyndee, 45 anni, completamente priva di sensi nella loro casa in Arizona. Ovviamente è andato nel panico. Deve essere stato un incubo per lui.

Ha chiamato subito l’ambulanza e la donna è stata portata di corsa in ospedale.

I dottori però non avevano speranze.

Per cinque giorni Lyndee ha sofferto di cristi epilettiche e alla fine è entrata in coma, nel quale è rimasta per 12 giorni, ha scritto Mirror.

Facebook

Il marito Steve, la figlia Amanda e il figlio Steven tutti quanti speravano in un miracolo per Lyndee.

I dottori però hanno detto loro che non c’era più nulla che potessero fare. Dodici orribili giorni dopo l’incidente, alla famiglia è stato consigliato di staccare il respiratore.

È una decisione che nessuna famiglia dovrebbe prendere, ma tutti sapevano che Lyndee avrebbe voluto donare gli organi, perciò la decisione a loro è sembrata un po’ più semplice.

In seguito Lyndee ha spiegato: “La mia famiglia sa che sono una donatrice di organi convinta, perciò hanno preso la decisione prima che i miei organi iniziassero a venire meno. Era il momento giusto per prendere quella decisione.”

Perciò, la famiglia ha preso la decisione di staccare la spina onorando quello che sapevano essere il desiderio di Lyndee.

Facebook

I suoi famigliari le hanno fatto visita uno alla volta per dirle addio.

Quello che non sapevano però è che Lyndee ha sentito ogni loro parola. Perché non era morta cerebralmente.

Nonostante non potesse muoversi né parlare, era comunque conscia di quello che accadeva attorno a lei.

“Ricordo che le persone mi parlavano,” ha detto Lyndee. “Ricordo di quando mi venivano a trovare e anche mia nipote che è venuta a leggermi qualcosa.”

L’ultimo ad andare a dirle addio è stato suo marito. Le ha sussurrato all’orecchio queste parole: “Tu sei una combattente. Devi lottare.”

Lyndee era completamente consapevole di quello che stava per succedere. Sapeva di dover parlare o fare qualcosa per potersi salvare la vita. Ci ha provato ma non ci è riuscita.

Facebook

“Nella mia testa erano ben chiare le parole che stavo dicendo, ma loro purtroppo non le sentivano.”

Voleva così tanto riuscire a dire qualcosa che alla fine ci è riuscita.

In un sussurro è riuscita a dire: “Sono una combattente.”

La sua famiglia è rimasta scioccata.

Steve, allibito, è corso subito a chiamare il dottore.

“Mio marito ha detto: ‘Sta facendo tutto ciò che mi avete detto non avrebbe mai fatto’,” ha ricordato Lyndee.

Contro ogni probabilità e previsione medica, Lyndee si è svegliata e ha iniziato a parlare, ha scritto AZ Family.

Stavano per staccare il respiratore ma l’amata moglie e madre è riuscita a farsi sentire. Un vero miracolo.

“L’ho guardata e lei mi ha detto ciao. Io sono caduta in ginocchio,” ha detto sua figlia Amanda in lacrime quando ha raccontato come sia stato ricevere quella notizia.

Facebook

In seguito Lyndee è uscita dall’ospedale ma non è stato facile tornare a vivere una vita normale.

Per prima cosa ha dovuto imparare di nuovo a camminare e a mangiare da sola.

Nonostante si sia ripresa ha comunque avuto problemi di salute e complicazioni.

“Mi hanno lasciata andare a casa ma con assistenza sanitaria a domicilio per poter imparare di nuovo a fare tutto,” ha detto Lyndee.

In seguito ha dovuto fare alcune operazioni e ha anche sofferto di disturbo da stress post traumatico.

Sono trascorsi quattro anni, ma Lyndee ancora non ha risposte su cosa abbia causato questa sventura.

Si è però assicurata di far sapere a tutti una cosa molto importante:

“Solo perché non si è coscienti non significa che non si possa sentire,” ha detto a CBS 5 Arizona.

Facebook

“Se doveste mai trovarvi in questa situazione cercate di parlare ai vostri cari. Loro vi sentiranno.”

Questa esperienza ha lasciato Lyndee e la sua famiglia con un messaggio importantissimo per tutti.

Può capitare a chiunque che un giorno si svegli e stia bene e che poi la sua vita venga completamente rivoltata come un calzino in pochi minuti.

“Tenete vicini i vostri famigliari, non fateli andare via. Io non do più per scontato che tornando a casa abbia sempre la possibilità di dare un bacio a mia madre,” ha detto suo figlio Steven.

“Ogni giorno quando torno dal lavoro la vado a trovare e a fare due chiacchiere con lei,” ha continuato.

Una storia davvero commovente. Se uno dei vostri cari è in coma o attaccato al respiratore tenete sempre a mente che potrebbe sentirvi. Ditegli che lo amate e che deve lottare.

Non dimenticate mai di dare un abbraccio alle persone alle quali volete bene e ricordate agli altri di fare lo stesso perché non si può mai sapere quando sarà l’ultima volta.

Condividete questa storia su Facebook se ha commosso anche voi.