Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Dottori cercano di nascondere la gravidanza perché il bambino morirà: 28 settimane dopo avviene un miracolo in sala parto

Quando Kate Lucas e suo marito hanno scoperto di essere in attesa di un bambino non riuscivano a contenere la gioia.

Qualche settimana dopo sono andati a fare la prima ecografia e il dottore ha scherzato: “Diamo un’occhiata al battito cardiaco e scopriamo se ce n’è più di uno!”

Poco dopo il dottore ha alzato una mano e ha mostrato due dita.

“Sono due!” ha detto allegro.

Sfortunatamente quella non era proprio una bella notizia…

Facebook/Kate Lucas

L’ecografia ha mostrato che le gemelle si erano separate tra gli 8 e i 13 giorni dopo il concepimento e ciò significava che tra le due non c’era nessuna membrana protettiva.

Le bambine erano gemelle monoamniotiche, che significa che – oltre ad essere gemelle identiche – condividevano anche la stessa placenta e lo stesso sacco amniotico.

La gravidanza era ad alto rischio e il dottore ha dato alle gemelle il 50% di possibilità di sopravvivenza.

Facebook/MonoamnioticTwins

A malincuore, i dottori di Kate le hanno suggerito di mantenere segreta la gravidanza perché le bambine “probabilmente non sarebbero sopravvissute”.

Kate ha cambiato subito medico: non avrebbe mai rinunciato alle sue figlie. Le piccole sono nate alla ventottesima settimana, dopo che Kate ha trascorso 5 settimane in ospedale.

Sono nate con parto cesareo e all’inizio sembrava andare tutto bene. Quando però il personale dell’ospedale ha visto il cordone ombelicale, nella stanza è sceso un silenzio preoccupante.

Twitter/HamiltonSpectator

I due cordoni ombelicali erano intrecciati insieme! Per i dottori era una cosa incredibile credere che non avessero fatto del male alle piccole.

Lo hanno definito un miracolo; e non è finita qui.

Facebook/MiracleBabiesFoundation

Le gemelle erano piccole e sottopeso per essere nate molto presto. Però stavano entrambe bene.

Sono nate appena in tempo. Se il cordone fosse rimasto così per altro tempo, non sarebbero sopravvissute.

Facebook/Kate Lucas

A sorpresa, le piccole dopo la nascita non hanno avuto bisogno di terapia intensiva e sono rimaste in ospedale solo alcuni giorni. Sono potute andare a casa molto prima della maggior parte dei prematuri.

Facebook/Kate Lucas

Harper e Cleo ora hanno 10 anni e sono molto unite nonostante le loro diverse personalità.

Non solo sono sopravvissute ad una gravidanza rischiosa, ma da allora non hanno avuto nessun problema. Un vero miracolo!

Facebook/MiracleBabiesFoundation

Queste bambine sono qualcosa di straordinario e la loro storia è stata d’ispirazione per molti genitori che si sono trovati nella stessa situazione. Forse l’incredibile positività e determinazione della madre Kate ha avuto un ruolo importante in tutto ciò? Di sicuro non ha fatto del male.

Condividi questa storia miracolosa per aiutarci ad augurare alle bambine tutta la fortuna del mondo!