Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Famiglia affronta la badante che picchia e maltratta la loro madre che soffre di demenza

Il lavoro di badante o assistente medico è una vocazione.

È un lavoro che richiede pazienza, rispetto e un sacco di creatività – specialmente se ci si occupa di un paziente affetto da demenza.

Ma come in tutti i settori ci sono anche persone che sfortunatamente non sono tagliate per questo lavoro; la cosa più tragica è quando un badante trascura i suoi doveri – dopotutto gli viene affidata la vita di un’altra persona.

La famiglia Marsden sospettava che la badante della loro madre non fosse una persona degna di fiducia. Tra le altre cose, Gina pensava che fosse anche pigra e che non facesse abbastanza, ha scritto Yahoo News.

Quando ha installato una telecamera nascosta, ha scoperto che la situazione era peggiore di quanto immaginasse.

Ciò che ha visto nel video, in diretta mentre accadeva tramite il cellulare, l’ha fatta correre a casa dal lavoro.

“Puzzi!”

La badante Stacey George, 46 anni, è stata ripresa mentre picchiava Sabina Marsden di 78.

“Puzzi” le ha detto la badante togliendo a Sabina la coperta dalle gambe e lasciandola mezza nuda e singhiozzante.

La signora di origini italiane sussurra un “mamma mia” mentre la badante la colpisce per 5 volte.

La figlia di Sabina, Gina Owen, ha visto l’orribile attacco in diretta dopo aver installato una telecamera che le invia video sul cellulare.

La donna lavora in un negozio di elettronica delle vicinanze ed è corsa a casa per intervenire. La telecamera la riprende mentre arriva a casa e conforta sua madre in lacrime.

Gina affronta la badante e le dice di andarsene. La badante prima finisce la sua merenda poi prende la borsa e se ne va.

La famiglia ha portato il nastro alla polizia ma la badante è stata rilasciata con un avvertimento dopo aver ammesso di aver attaccato la signora Marsden.

È per questo che la famiglia ha pubblicato il video: vogliono avvertire altre persone nel caso Stacey George sia finita a lavorare per loro.

Sono felice che ne abbiano parlato, una persona così non è adatta a lavorare in questo settore!

So per certo che ci sono tantissime persone che fanno questo lavoro senza essere mai stanche e per dare il meglio alle persone più vulnerabili delle nostre famiglie. Raramente ricevono dei riconoscimenti, ma senza di loro dove saremmo?

Purtroppo però ci sono anche persone che non dovrebbero MAI fare lavori di questo tipo e spero che la donna di cui parla questa storia finisca dietro le sbarre per molto tempo. Un semplice avvertimento non è sufficiente per qualcuno che si comporta in questo modo – condividi se sei d’accordo!

 

Leggi di più su...