Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Il figlio di Robin Williams è cresciuto: foto dalla prigione rivelano com’è oggi

Nonostante la sua tragica morte, Robin Williams ha lasciato al mondo tanti bellissimi ricordi.

Il popolare attore ci ha portato gioia, speranza e risate grazie al suo talento nella commedia.

Robin era sicuramente una delle persone più gioiose del pianeta.

I figli delle star di Hollywood seguono spesso le orme dei loro genitori e scivolano sotto i riflettori senza nemmeno dover faticare troppo per farlo.

Tuttavia il figlio di Robin Williams, Zak, è diverso – infatti ha seguito le orme di suo padre in un modo che probabilmente non avreste mai immaginato.

Zak trascorre la maggior parte del suo tempo in una delle peggiori prigioni americane, il San Quentin State Penitentiary della California.

Insieme ad un detenuto, “Wall Street”, che sta scontando una condanna all’ergastolo, Zak insegna ai detenuti del San Quentin.

Tutti i carcerati del braccio della morte della California sono detenuti al San Quentin, e la struttura ha anche un suo proprio codice postale, 94964.

Wikimedia Commons

I carcerati provengono da ogni parte dello stato e molti di loro sono in prigione per violenza di gruppo.

Laughlin

Dopo la tragica e improvvisa morte di suo padre, Zak ha cercato un modo per fare qualcosa per la società.

Ha iniziato a fare ricerche sui vari programmi di riabilitazione che venivano offerti alle persone dietro le sbarre.

Instagram/therobinwilliams

“È molto di aiuto per me”

Zak Williams, che ha studiato economia alla Columbia University, è stato messo in contatto con il detenuto “Wall Street”.

Ora i due insieme offrono corsi per i carcerati. Hanno una lista lunghissima di persone che vorrebbero partecipare.

“Passare del tempo al San Quentin, fare qualcosa per la società e tentare di dare più valore alla vita delle persone è qualcosa che per me personalmente è stata molto d’aiuto,” ha detto Zak a CNN.

Instagram/ZeldaWilliams

Anche a suo padre Robin piaceva molto fare qualcosa per la società.

L’attore era un appassionato di atletica e ispirava i giovani con disabilità a fare sport, ha scritto l’Huffington Post.

L’attore dal 1998 infatti aveva a che fare con la CAF (Challenged Athletes Foundation), un’organizzazione di beneficenza che aiuta i disabili a fare sport.

Forse è per questo che anche Zak si è sentito di dover fare qualcosa per la società? Dopo aver visto l’intervista qui sotto mi sono convinta che Robin abbia avuto una grande influenza su suo figlio.

Tenendo in considerazione quanto Robin Williams abbia sofferto per gran parte della sua vita, è incredibile vedere come spesso siano proprio coloro che soffrono di più ad impegnarsi maggiormente per gli altri.

Leggere di Zak mi ha scaldato il cuore, sono sicura che suo padre sorrida da lassù.

Tutti quanti dovremmo tendere una mano verso coloro che ne hanno bisogno – tutto il rispetto per te, Zak!