Genitori nascondono figlia per proteggerla – a 2 anni, è "bellissima"

Genitori hanno nascosto la loro bambina per proteggerla dagli sguardi – ora, a 2 anni, è “bellissima”

I genitori fanno di tutto per i loro figli, soprattutto per proteggerli. Questi genitori non erano diversi. Continuate a leggere per saperne di più su ciò che questi genitori hanno fatto per la loro figlia.

La piccola Vienna Brookshaw è nata da mamma Celine Casey nell’aprile del 2021. È nata nel Regno Unito e da allora ha intrapreso un viaggio interessante. Quando Casey ha visto per la prima volta sua figlia, era preoccupata che qualcosa fosse andato storto durante la gravidanza e che avesse provocato una voglia sulla fronte della figlia, tra le sopracciglia.

La voglia non aveva nulla a che fare con la salute della bambina, ma la madre era ovviamente consapevole del fatto che in futuro avrebbe potuto causare un trauma mentale alla piccola.

Brookshaw è una dei 20.000 nati con nevo melanocitico congenito (CMN). Questa condizione significa che è nata con un gruppo di cellule pigmentate benigne tra le sopracciglia, che sarebbero cresciute anche con l’età.

La condizione è rara e non c’era modo di sapere quanto la voglia sarebbe cresciuta con la crescita della bambina. La madre era certa di non volere che sua figlia dovesse affrontare questo problema da grande.

Casey chiese immediatamente ai medici cosa si potesse fare per la voglia della figlia. Ha detto che sentiva che se non avesse fatto rimuovere la voglia alla figlia, questa avrebbe potuto risentirsi con i suoi genitori in futuro.

La madre preoccupata ha detto: “Ci piace vederla crescere nel suo percorso e non vediamo l’ora che cresca e possa parlare da sola per sentire la sua opinione, noi la amiamo comunque, anche se tenessimo la voglia”.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Shutterstock

Il motivo della sua ambizione è che quando la figlia era neonata, Casey e il suo compagno avevano già notato che la gente la fissava. Inoltre, aveva notato che la sua bambina veniva trattata in modo diverso dagli altri bambini e, quindi, era ancora più motivata a farsi rimuovere la voglia.

L’intervento è stato negato dal servizio sanitario nazionale e la madre ha dovuto trovare altre fonti di aiuto. Ha quindi avviato una campagna di crowdfunding per raccogliere fondi per l’intervento privato.

Il servizio sanitario nazionale ha negato l’intervento, poiché di solito nega qualsiasi intervento che non sia essenziale per la salute fisica di una persona. L’intervento è considerato cosmetico e non cruciale.

In sole 24 ore, i genitori hanno raccolto 52.000 dollari per l’intervento. Sfortunatamente, questa somma non era sufficiente, poiché i costi ospedalieri erano saliti alle stelle dopo la pandemia COVID-19 e i giovani genitori avevano bisogno di 27.000 dollari per l’intervento.

L’articolo prosegue sotto la foto:

Shutterstock

Si sono rivolti di nuovo a GoFundMe per contribuire ai costi aggiuntivi dell’intervento di rimozione della voglia della figlia.

“Tutti hanno delle insicurezze sul proprio corpo e il medico ha detto che le rispettava, ma che con Vienna non avrebbe influito sulla sua salute mentale in questo momento. Ma noi non la vedevamo così: a tre anni inizierà la scuola e i bambini più piccoli sono così intelligenti che fanno notare cose del genere”, ragiona la madre preoccupata.

Ora la bambina ha due anni e la sua voglia è stata completamente rimossa, l’unica traccia è una piccola cicatrice sulla fronte. La madre Casey è solita condividere aggiornamenti sul processo di guarigione della figlia e commentare quanto sia “splendida” la sua bambina.

Anche dopo la rimozione della voglia, la coppia si è recata a Londra per consentire al chirurgo di verificare il grado di guarigione della cicatrice e di stabilire se Brookshaw avrebbe avuto bisogno di altri interventi o procedure dopo i tre già subiti. Ma per ora è una bambina di due anni in salute e non ha bisogno di altre cure!

Inviamo i nostri migliori auguri alla piccola Brookshaw. Ci auguriamo che la bambina goda sempre di ottima salute!

Condividete questo articolo con gli altri per far conoscere anche a loro la sua storia!

LEGGI DI PIÙ: La chiamavano “Batman” per la sua macchia – ora è rimossa: “Macchia nera sparita. Sono una principessa”

LEGGI DI PIÙ: È nato con una rara voglia a forma di cuore – eccolo oggi