Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

La mamma dice che la figlia si è ferita, quando il papà arriva all’ospedale, vede subito qualcosa che non va

Ci sono molte persone buone in questo mondo. Grazie a Dio. Purtroppo però, esistono anche quelle cattive. Le peggiori in assoluto sono quelle che infliggono dolore ai bambini.

Non so come queste persone possano guardarsi allo specchio o addirittura dormire di notte. Ciò che spinge qualcuno ad agire violentemente verso un bambino innocente rimarrà sempre un mistero per me.

Questa storia che parla di maltrattamenti su un bambino è successa a luglio dello scorso anno in Slovenia. Non è bello raccontare storie come questa, ma riteniamo che sia importante che siano diffuse affinché non si verifichino mai più.

Facebook/SenadKardasevic

L’immagine sopra è di una bambina chiamata Arina. Purtroppo, Arina non è più tra noi. È stata trascurata dai servizi sociali, lasciando che sua madre e il fidanzato la maltrattessero a tal punto da mettere fine alla sua vita.

Il padre biologico, Senad Kardasevic, amava molto la sua bambina. Ma da quando la sua ex moglie, Sanda Alibabic, ha iniziato a frequentare Mirzan Jakupi, il padre ha cominciato a notare delle contusioni sul corpo della sua bambina. È successo più volte ma nessuno lo ha preso sul serio.

Ha cercato di contattare i servizi sociali in Slovenia. Ha spiegato loro che era preoccupato e non si fidava di lasciare la sua bambina in mano alla sua ex moglie e al nuovo fidanzato. I servizi sociali sono andati a casa della ex moglie e le hanno fatto alcune domande, ma apparentemente non c’erano prove sufficienti per dimostrare alcun maltrattamento, scrive LifeBuzz.

Facebook/SenadKardasevic

Quella sarebbe stata l’occasione perfetta per salvare la vita di questa bambina.

Nonostante gli sforzi, Senad, il padre biologico, un giorno ricevette una telefonata che nessun padre dovrebbe mai ricevere.

Secondo The Daily Mail, la madre di Arina ha chiamato un’ambulanza dicendo che la sua bambina aveva avuto un incidente domestico con il termosifone di casa.

Ma poi si è scoperto che Arina era in condizioni molto peggiori di quanto si potesse immaginare. Aveva la faccia gonfia, molte ossa rotte e lividi orribili su tutto il corpo. Non poteva essersi fatta male da sola con il termosifone. Era chiaro cosa stava veramente succedendo. Ma era troppo tardi.

Facebook/SenadKardasevic

I medici hanno fatto tutto il possibile ma i danni che la bambina aveva subito erano troppi. Purtroppo è morta dopo due giorni. Il suo papà, Senad, è stato al suo fianco per tutto il tempo ed ha potuto darle un bacio per dirle addio.

L’immagine di lui che piange accanto a sua figlia sul letto di morte, mentre la piccola è attaccata ad un supporto vitale, si è diffusa a macchia d’olio non solo in Slovenia, ma in tutto il mondo.

La madre biologica e il suo fidanzato sono stati arrestati e il loro processo è ancora in corso. Rischiano fino a 15 anni di carcere, scrive LifeBuzz.

Dopo la morte di sua figlia, Senad ha combattuto per la giustizia in nome della sua bambina. Il caso è arrivato a Anja Kopač Mrak, ministro del lavoro, della famiglia, degli affari sociali e delle pari opportunità in Slovenia. Grazie al suo intervento è stata compiuta un’indagine più approfondita, secondo quanto scrive LifeBuzz.

Ecco una dichiarazione del ministro dopo l’accaduto:

“Mi sento molto vicina al padre, alle sue sorelle e a tutta la famiglia, e porgo loro le mie più sincere condoglianze. Non ho parole per ciò che è successo: questo è inconcepibile, scioccante e assolutamente inaccettabile: queste cose non devono più accadere”.

Questa bambina ha avuto un destino veramente tragico; speriamo che la sua storia aiuti a impedire ad altri bambini innocenti di essere maltrattati da parte di qualche genitore senza scrupoli in futuro.

Facebook/BoneThugs-N-Harmony

Il maltrattamento di bambini è qualcosa che accade ancora oggi in ogni parte del mondo. Deve essere affrontato e fermato. Aiutaci a condividere la tragica storia di Arina in modo che le persone siano coscienti di questo terribile fatto.