Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

L’infermiera non pensa che la famiglia veda ciò che fa, ma quando la mamma guarda meglio non può più stare zitta

Il cancro è davvero la cosa peggiore alla quale riesco a pensare. Specialmente quando colpisce i bambini.

Shelby e Jonathan pensavano che la loro piccola Sophie soffrisse a causa delle allergie. Non riusciva a respirare e il dottore sospettava che fosse asma. Ma sarebbe stato presto chiaro che la situazione era molto peggiore.

 

Sophie è stata messa in lista per i test allergici da lì a qualche giorno, però non è mai riuscita a farli.

Una notte ha smesso di respirare.

Posted by Shelby Watson Skiles on Wednesday, 23 March 2016

 

L’incubo di ogni genitore. Shelby e Jonathan hanno subito chiamato l’ambulanza e poco dopo erano già diretti in ospedale.

Solo allora i dottori hanno confermato che Sophie soffriva di qualcosa di molto peggiore dell’asma o delle allergie. Aveva infatti sviluppato un linfoma delle cellule T, ovvero un cancro.

Da quel momento Sophie ha passato molti mesi in ospedale facendo la chemioterapia. Nonostante lei combattesse duramente il cancro si è esteso.

La chemioterapia ha compromesso la sua capacità di camminare, parlare, usare le mani e mangiare. Adesso il suo corpicino si sta preparando per un’operazione con le cellule staminali.

Mondays are my favorite days! Sophie gets deaccessed on Mondays! That means we take out her big needle and she's free from the IV pole and tubes for a couple of hours! I get lots of snuggles on Mondays!

Posted by Sophie The Brave on Tuesday, 12 September 2017

 

Sua madre Shelby è sempre al suo fianco. A volte ha così tanti pensieri che dimentica di prendersi cura di se stessa. Per lei l’unica cosa che conta è assicurarsi che Sophie stia meglio.

I genitori hanno creato una pagina Facebook per documentare la battaglia della bambina contro la malattia. Vogliono che famiglia e amici riescano facilmente a rimanere aggiornati sulla situazione. La pagina si chiama Sophie The Brave.

Ma la pagina non è seguita soltanto dai famigliari. Oggi infatti ha 12.000 seguaci.

Un post della pagina in particolare è stato molto apprezzato. Altre mamme con bambini malati molto probabilmente capiscono le parole di Shelby. Il post riguarda gli infermieri e il personale dell’ospedale che si occupano di Sophie.

Quick Friday night update: After 9 days in the hospital, we were transferred back over to OCH rehab yesterday…

Posted by Sophie The Brave on Friday, 6 October 2017

 

Shelby ha scritto:

Io vi vedo. Sto seduta su questo divano per tutto il giorno, perciò vi vedo. Voi fate di tutto per non farvi notare da me e mia figlia, ma io vedo che vi vengono le lacrime agli occhi quando lei vi vede e piange. Tentate in tutti i modi di allontanare le sue paure e convincerla, vi vedo esitare quando dovete infilarle una siringa o toglierle i cerotti. Voi dite “nessun problema” o “mi dispiace” molte più volte di quanto altre persone dicano “grazie” in un giorno…

Vedo tutti quei braccialetti di gomma sulle vostre braccia e attorno ai vostri stetoscopi, uno per ogni bambino che avete curato e amato. Vi vedo accarezzare la sua piccola testa calva e infilarle le coperte ben strette attorno. Vi vedo stringere forte le mamme che piangono quando ricevono brutte notizie. Vi vedo registrare al computer mentre abbracciate i bambini le cui mamme non possono o non vogliono stare in ospedale con loro.”

Dear Peds Nurses,(And incredible nurse techs!)I see you. I sit on this couch all day long and, I see you. You try so…

Posted by Sophie The Brave on Tuesday, 3 October 2017

 

Voi mettete da parte la vostra intera vita per 12 ore filate per occuparvi di bambini malati e a volte morenti. Entrate in ogni stanza con il sorriso senza tenere conto di ciò che sta succedendo lì dentro. Voi leggete il nome di Sophie sulla cartella e tornate a controllarla anche quando non è vostra paziente. Chiamate il dottore, la banca del sangue e la farmacia tutte le volte necessarie a far avere a mia figlia ciò di cui ha bisogno in breve tempo. Voi controllate me spesso quanto controllate lei. Vi sedete e mi ascoltate parlare senza sosta per 10 minuti anche se vi sta squillando il telefono o la vostra lista delle cose da fare è lunga un chilometro.”

“Io vi vedo. Noi vi vediamo. Non ci sono parole per spiegare quanto siete apprezzati, per noi siete Gesù in ogni singolo giorno. I nostri bambini non avrebbero ciò di cui hanno bisogno senza di voi e le mamme come me non si sentirebbero sane e ascoltate senza di voi. Voi salvate i nostri bambini e noi non riusciremmo a fare tutto ciò senza di voi.”

Il post di Shelby ha ricevuto 27.000 mi piace e ne capiamo bene il perché. Tutti i meravigliosi infermieri e il resto dello staff dell’ospedale meritano riconoscimento! Fanno un lavoro incredibile.

Speriamo che presto Sophie si rimetta del tutto. Perché pare che la sua famiglia di recente abbia avuto ottime notizie, ovvero che il suo cancro se n’è andato quasi del tutto!

Condividi le parole di Shelby su infermieri e personale dell’ospedale così che altre persone possano leggere dell’incredibile lavoro che fanno!