Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Mamma chiede al tecnico di riparare la caldaia – ciò che lui scrive sulla ricevuta mi ha sciolto il cuore

Crescere due bambini richiede molto lavoro. Non importa quanto siano bravi, c’è sempre più cibo da dover preparare, vestiti da lavare e compiti a casa da controllare. Perciò è bello avere un partner con cui condividere queste responsabilità.

Purtroppo Bridget Stevens l’anno scorso non ne ha avuto la possibilità. Suo marito Bobby è un soldato e, al tempo, era in missione.

Ovviamente la caldaia a casa dei due ha preso la briga di rompersi.

Facebook/Bridget Stevens

Un giorno Bridget ha aperto la porta di casa e ha capito che era molto freddo anche dentro, perciò ha pensato che la caldaia si fosse rotta.

Tutti coloro che hanno avuto una casa sanno che una caldaia rotta può essere molto costosa da riparare, Bridget però non aveva scelta. Non poteva aggiustarla da sola e la temperatura dentro casa era molto bassa.

Facebook/Bridget Stevens

Ha quindi chiamato una compagnia di riparazione e il proprietario, Paul, si è fermato a casa sua per vedere la situazione. Mentre Paul lavorava sulla caldaia parlava con Bridget che ha detto che suo marito era nell’esercito ed era stato chiamato al dovere.

Bridget ha dimenticato quella chiacchierata fino a qualche giorno dopo, quando è passata nell’ufficio di Paul per pagarlo. Quando le ha dato la ricevuta lei è rimasta scioccata.

Facebook/Bridget Stevens

Paul aveva scritto: “Niente riscaldamento, chiamata serale, sconto militare. 1$.”

Bridget è rimasta così commossa che ha scritto un post su Facebook in cui ha detto di aver tentato di pagare Paul per il suo lavoro ma che lui aveva rifiutato il denaro. Invece ha ringraziato suo marito per il suo servizio.

Facebook/Bridget Stevens

Nel post, che è stato condiviso più di 7.000 volte prima di essere rimosso, Bridget ha scritto:

Questo post è un po’ lungo, ma voglio prendere un minuto per ringraziare la Betlyn Heating and Cooling. Ero a casa con i miei bambini e la temperatura si aggirava attorno ai 10 gradi. Ho provato ad accendere il termostato ma niente, la caldaia non dava segno di vita, perciò ho chiamato la Betlyn pensando che mi avrebbe risposto la segreteria e che avrei dovuto lasciare un messaggio e correre in un negozio a comprare una stufetta.

Invece il proprietario, Paul, ha risposto ed è stato molto paziente nello spiegarmi alcune cose da fare per tentare di riaccenderla. Nessuna ha funzionato, perciò mi ha detto che doveva venire a casa per aggiustarla.

Mentre lavorava sulla caldaia abbiamo parlato di Bobby e del suo servizio. Avevo detto accidentalmente che avrei provato a sistemarla assieme a mio marito, ma dato che era in missione e non la poteva vedere, non avrebbe saputo cosa fare.

Una volta finito ero un po’ preoccupata di quanto mi sarebbe costato quel lavoro. Mi ha dato la ricevuta in questa foto. Quando ho provato a dargli dei soldi, mi ha detto che anche quell’euro era uno scherzo, anzi che avrei dovuto ringraziare mio marito per il suo lavoro.

Perciò, grazie Paul Betlyn. La mia casa è di nuovo calda e accogliente grazie a te.

In seguito Paul ha aperto un fondo (il Military Deployment Kisses Fund) per aiutare le famiglie dei militari a soddisfare i loro bisogni mentre i militari sono in missione all’estero. Ha raccolto più di 17.000 dollari, davvero fantastico!

È difficile non rimanere commossi da questo gesto. Per favore condividi questa storia se ha scaldato anche il tuo cuore.