Mamma frustrata bloccata dietro un’auto lenta: poi vede un biglietto sul vetro posteriore che cambia tutto

Essere una madre perfetta, una moglie affettuosa e riuscire a gestire tutto quanto a casa mentre si contribuisce anche alla società non è un compito facile.

Aggiungiamo tutto questo all’essere madre di più bambini, perciò le parole pace e calma diventano quasi impossibili da utilizzare nella stessa frase, ed ecco che si descrive la vita di tutti i giorni.

Una donna che lo sa molto bene è Hailey. Per lei ogni giorno è una nuova sfida e anche gli ostacoli più piccoli possono avere delle grandi conseguenze.

Un giorno Hailey stava andando al lavoro quando è rimasta bloccata dietro una macchina che andava davvero piano. Ci è voluto tutto il suo controllo per non perdere la calma dietro al volante.

Hailey però andava di fretta e non aveva certo il tempo di rimanere seduta lì in auto ad una velocità più bassa di quella consentita dal limite stradale.

I posted this picture on my personal page earlier this week, and it got me thinking.A picture is just a small square…

Posted by Thoughts, Dots, and Tots on Wednesday, 24 January 2018

 

Quando Hailey è rimasta bloccata dietro l’auto, ha notato un biglietto sul vetro posteriore.

Dopo averlo letto, ha capito di dover condividere la sua esperienza nel suo blog “Thoughts, Dots and Tots”. Ha detto che ha cambiato il suo modo di vedere il mondo.

Ecco cosa ha scritto:

Stavo andando al lavoro e mi sono trovata dietro questa macchina. Un cartello appeso al vetro posteriore diceva: ‘Sto ancora imparando scusate per il ritardo.’

Avendo letto questa informazione sono rimasta paziente dietro l’auto anche se andava davvero piano, anzi, stava andando molto bene per essere uno che stava ancora imparando.

A quel punto mi sono chiesta: sarei stata così paziente anche se non ci fosse stato quel cartello? Posso quasi certamente dire di no.

Non sappiamo cosa stanno passando le persone. Non indossiamo cartelli che mostrano le nostre battaglie personali. Non ci sono cartelli sulle persone che dicono ‘sto divorziando’, ‘ho perso un bambino’, ‘sono depresso’ oppure ‘ho il cancro’.

Posted by Thoughts, Dots, and Tots on Tuesday, 4 April 2017

 

Se davvero vedessimo cartelli di questo tipo sulle persone saremmo sicuramente più gentili.

Ma non devono essere dei cartelli a farci trattare gli altri con gentilezza. Dovremmo farlo comunque, anche senza cartelli, che se lo meritino oppure no.

Diamo a tutti quanti una dose extra di pazienza, amore e gentilezza.

Il biglietto scritto a mano appeso al finestrino ha avuto un grande impatto su Hailey. Poteva comunque continuare a guidare frustrata e scocciata, invece ha fatto un bel respiro e ha scelto la strada della tolleranza.

As I was pulling into work, I was following this car. The sign in the back window says, “Learning stick sorry for any…

Posted by Thoughts, Dots, and Tots on Friday, 22 December 2017

 

Dovremmo tutti pensare un po’ di più come Hailey.

Quante volte ci ha infastidito il fatto che l’autobus fosse in ritardo? O che qualcuno sia stato sgarbato con noi? O che qualcun altro fosse in ritardo per l’appuntamento?

E per quale scopo? Nessuno. Arrabbiarsi per queste cose non porta benefici a nessuno. Perché allora non essere gentili?

Sia voi che tutti quelli attorno a voi si sentiranno meglio se c’è armonia. Facciamo un bel respiro e usiamo la lezione di Hailey invece di stressarci la vita.

Condividete questo messaggio con i vostri amici e famiglia su Facebook così che possano apprezzarlo anche altri!