Mamma lascia il bambino nato con sindrome di Down – lo alleva l’orgoglioso papà

L’amore per i propri figli è incondizionato e invincibile, almeno per la maggior parte delle persone. Poter dare alla luce un bambino è una benedizione, perciò bisognerebbe amarli e apprezzarli così come sono.


Purtroppo però c’è chi non sa gestire la nascita di un figlio, come successo a questa madre russa. Quando la donna ha saputo che suo figlio ha la sindrome di Down, non lo ha più voluto. Il papà ha deciso di crescerlo da solo.


Un papà di 33 anni che si chiama Eugeny Anisimov, della Russia, ha condiviso la sua storia. Ha parlato della nascita di suo figlio, avuto dalla ex moglie, e delle decisioni prese di conseguenza. Le sue parole sono state condivise da Bored Panda.


Era passato appena un minuto dalla nascita del figlio di Eugeny quando i medici hanno detto: “Temo che il bambino abbia la sindrome di Down”.


Notizia arrivata come uno shock


Quelle parole sono state uno shock per Eugeny, che a parte sapere che il bambino ha un cromosoma in più e quindi è diverso dagli altri bambini, non sapeva cosa volesse dire.

View this post on Instagram

Каждая длинная дорога начинается с первого шага. Поиск Бога – что то личное, сокровенное и не всегда быстрое.. 23 августа 2019 года мы покрестили Мишу 🙂 Его путь начался! Волгоград Храм Иоана Предтечи. Отец Валерий, Крестная Тамара и Крестный Артем стали его спутниками на этом непростом, но благодатном пути. Друзья! Особую благодарность хочется выразить организации Моя кровинушка @moya_krovinushka, в особенности Елене @ez_kras. Благодарим! Сам процесс нам был не очень знаком, спасибо, что были рядом! Также слова благодарности хочется сказать дяде Степе @massage_stepan , за рекомендации Отца Валерия. И отдельное спасибо и низкий поклон супер Человеку с большой буквы: Светлане. Снимаю шляпу перед твоей стойкостью, силой и талантом! @cveta_me @paparazzi.me Спасибо, друзья, что Вы рядом! Дай Вам Бог!

A post shared by Евгений Анисимов (@evgen_tyz) on

I medici hanno portato il bambino a fare dei controlli ed Eugeny non ha detto niente alla moglie finché non è stato confermato che il bambino avesse davvero la sindrome di Down.


“Non sapevo cosa fare quando ho saputo che mio figlio poteva avere la sindrome di Down. Ho pensato di non dovermi far prendere dalle emozioni, smettere di pensare e sostenere mia moglie perché per lei sarebbe stato più difficile. Il risultato delle analisi sarebbe arrivato entro pochi giorni. Fino ad allora ho deciso di non dirle niente,” ha detto Eugeny a Bored Panda.


Ha lasciato l’ospedale e ha pianto


Eugeny era spaventato. Il pensiero di dover crescere un bambino con sindrome di Down era difficile. Ma quella sensazione non è durata a lungo.


“Quando ho scoperto che mio figlio ha la sindrome di Down sono uscito dall’ospedale e ho pianto. Ma non per molto. Poi mi sono un po’ imbarazzato per quelle lacrime.”

Quando i medici hanno dato la diagnosi definitiva, Eugeny l’aveva già digerita. Aveva avuto il tempo di informarsi, perciò la pensava completamente in modo diverso. E si era reso conto che era tutto come sempre, solo che suo figlio sarebbe cresciuto leggermente diverso dagli altri.


Il papà sapeva che se un bambino con sindrome di Down riceve molto amore e viene trattato allo stesso modo degli altri, ha la possibilità di vivere una buona vita.

La moglie non ha voluto il bambino


Tuttavia, la moglie di Eugeny la pensava in modo diverso. La sua paura le ha fatto scegliere di non voler tenere il bambino, cosa che ha creato un conflitto tra i coniugi.


Eugeny ha detto che lui e sua moglie hanno sempre avuto un buon rapporto di rispetto reciproco, ma in questo caso il conflitto era così grande che sono stati costretti a separarsi. Lei non voleva tenere il bambino, ma per il papà quella non era un’opzione.

View this post on Instagram

С некоторым опозданием спешу поделиться нашим с Мишей первым праздником: Днем рождения! 28 августа нам исполнился один годик! Несмотря на ветренную погоду праздник удался!! Первая фотосессия сменилась первым походом в кафе!!! Т.к. в меню не было молочка, Мишка светской беседе предпочел крепкий сон 🙂 Друзья! Снова выражаю Вам свою и Мишкину благодарность!!! Спасибо!!! Спасибо @prekrasnovamariika за замечательного зайчика/кролика (мне кажется, они с племяшкой до сих пор спорили бы, кто это!) из @stranaulybokpm !! Спасибо друзья!! Огромное спасибо фотографу: @inna_ostaali_photo ! Для меня до сих пор загадка, как можно оставаться позитивной и жизнерадостной с таким тревожным папой, как я, и неожиданно-капризным Мишей:) Спасибо!!! Венец благодарственных слов хочется произнести в адрес @moya_krovinushka! Елена и Татьяна Константиновна! Спасибо Вам большое за поддержку!!

A post shared by Евгений Анисимов (@evgen_tyz) on

“Non un eroe”


“Quando nasce un bambino, chiede al mondo esterno: ‘Sono necessario qui o no?’ e io rispondo con certezza: ‘Figlio mio, tu sei necessario’. Vivere con lui da solo è una cosa normale, fatta da un uomo normale. E sottolineo: un uomo normale, non un eroe,” ha detto Eugeny, che spesso viene elogiato perché ha deciso di crescere il bambino da solo.


Il papà single condivide su Instagram le foto della sua vita quotidiana assieme a suo figlio. Il suo amore incondizionato ha catturato l’attenzione di molte persone e, attualmente, il profilo ha più di 29.000 follower.


Questa storia mi ha colpito profondamente. Immaginate se più persone potessero vedere il mondo attraverso gli occhi di questo papà. Condividete così che altri conoscano questa storia.