Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Mamma molla sua figlia di 1 anno in una casa abbandonata, 10 anni dopo scopre l’impensabile

Gli abitanti della città russa Yaroslavl non dimenticheranno mai un particolare incidente avvenuto più di dieci anni fa.

Tutto è iniziato un giorno quando un vicino ha sentito piangere un bambino nella casa accanto. Non ci ha pensato più di tanto ed è tornato alla sua solita vita.

Nei giorni seguenti però, il bambino continuava a piangere. Nessuno nel vicinato aveva visto nessuno di recente nella casa dalla quale veniva il pianto e non c’erano mai le luci accese, neanche di sera.

A quel punto il vicino ha iniziato a preoccuparsi e ha chiamato la polizia.

Quando la polizia è entrata nella casa era completamente vuota. Le persone che ci vivevano avevano preso tutte le loro cose e se n’erano andate.

L’unica cosa che avevano lasciato lì era la loro bambina.

Youtube

La bambina di un anno è stata trovata sul pavimento freddo e sporco ed era chiaro che era rimasta lì da sola per giorni.

Dopo altre indagini, le autorità hanno scoperto che la bambina si chiamava Liza Verbitskaya ma non riuscivano a trovare i suoi genitori.

Liza è stata portata in ospedale dove è rimasta per molti giorni.

Youtube

Nello stesso ospedale si trovava anche Inna Nika che si prendeva cura di suo figlio malato. La donna rimaneva a fianco a suo figlio giorno e notte.

Un giorno ha sentito piangere dalla stanza accanto ed è sgattaiolata dentro.

Ha visto la piccola Liza ed ha provato subito un forte istinto materno verso di lei.

Da quel giorno Inna ha iniziato a fare visita alla bambina tutti i giorni e le portava vestiti, giocattoli e cibo.

Youtube

In seguito, Inna è andata a fare visita a Liza come faceva sempre ed ha scoperto che la bambina non era più lì.

Il personale dell’ospedale l’ha informata che la bambina era ormai abbastanza in forma da essere dimessa e che quindi era stata portata all’orfanotrofio, ha scritto aif.ru.

Inna ha provato un enorme vuoto e un senso di mancanza per quella bambina alla quale si era affezionata. Ha deciso di andare a cercarla.

Youtube

Quando l’ha rivista il suo istinto era chiaro: voleva adottarla.

Inna ha iniziato subito le pratiche e dopo un sacco di burocrazia a Liza è stato permesso di raggiungere lei e la sua famiglia. La donna la amava come amava i suoi figli biologici.

Al momento dell’adozione Liza aveva circa due anni. Non riusciva ancora bene a masticare ed aveva paura dei rumori molto forti. Era ovvio che la bambina fosse traumatizzata dal brutto inizio della sua vita.

Inna però era determinata a darle tutto l’amore e le cure di cui ha bisogno ogni bambino e presto quei giorni bui sono scomparsi.

Youtube

Infine, Inna ha scoperto anche che la bambina aveva difficoltà ad imparare a camminare. Una volta più grande, la donna l’ha iscritta ad una scuola di danza, sperando che la musica la incoraggiasse a sentirsi più a suo agio nel suo corpo.

Non è chiaro se dipenda dalla scuola di danza o da tutto l’amore ricevuto, ma non ci è voluto molto prima che Liza fiorisse e diventasse come ogni altra ragazzina della sua età.

Youtube

A causa della sua pelle scura Liza era molto diversa dai suoi fratelli. Non è stato facile per lei crescere e resistere ai bulli e alle prese in giro delle persone. Ma Inna le aveva sempre detto di non prestare attenzione a quello che le dicevano gli altri – perché erano soltanto invidiosi.

Oggi Liza è un’adolescente ed ha vinto concorsi di bellezza e talent show, in più ha avuto il suo primo lavoro come modella. Sembra che le persone che la prendevano tanto in giro adesso debbano mordersi la lingua.

Youtube

La sua incredibile storia e la sua carriera da modella l’hanno resa molto famosa in Russia e non c’è voluto molto prima che la sua madre biologica sentisse parlare di lei.

Ora che è famosa, la madre biologica ha tentato di contattarla – ma il contatto è stato negato. A Liza sono stati dati tutti i dettagli e può decidere autonomamente se e quando vorrà mai contattarla dopo le violenze e l’abbandono subiti da piccola.

Siamo così felici che il destino di Liza sia cambiato e che abbia trovato una casa e una famiglia. Per favore condividi la memorabile storia di Liza se sei d’accordo che Inna sia un’eroina!