Mamma muore dopo un morso di insetto apparentemente innocuo: ora la famiglia avverte gli altri

Tutte le persone che hanno trascorso del tempo in campagna sanno quanto sia semplice essere morsi dalle zecche. La maggior parte sarà d’accordo nel dire che l’idea di un insetto attaccato al nostro corpo che ci succhia il sangue è davvero disgustoso. Eppure le zecche nella maggior parte dei casi sono innocue, specialmente se si è stati vaccinati.

Notare bene che ho detto nella maggior parte dei casi sono innocue. Tamela Wilson, mamma di 58 anni del Missouri, lavorava come direttrice del parco al Meramec State Park e un giorno ha notato di aver attirato due zecche.

Le ha rimosse e ha continuato a lavorare. Dopotutto le zecche sono insetti piuttosto comuni e non c’era di che preoccuparsi.

Tuttavia, pochi giorni dopo si è sentita male e le è venuta la febbre. I dottori erano confusi riguardo i suoi sintomi e alla fine le hanno diagnosticato un’infezione del tratto urinario e l’hanno rimandata a casa con degli antibiotici da prendere.

Una settimana dopo, il 31 maggio 2017, le sue condizioni sono peggiorate ed è stata portata di corsa in ospedale.

Dei campioni di sangue hanno rivelato che aveva contratto il Bourbon virus – un virus insolito e incurabile scoperto negli USA nel 2014. Tamela è stata ricoverata per molte settimane mentre i dottori tentavano di capire come combattere la malattia. Tuttavia, il Daily Mail ha detto che non funzionava nulla.

È morta il 23 giugno.

La sua famiglia in seguito ha parlato del dolore che ha provato la donna nelle sue ultime settimane.

“Non lo si augurerebbe neanche al peggior nemico,” ha detto sua madre Kathy Potter a FOX6 News. “Ti fa avere paura di uscire.”

Il padre di Tamela, Geoff, ha aggiunto: “I dottori hanno detto che si trattava di un mistero della medicina. Ogni volta che andavamo all’ospedale lei peggiorava. Nessun miglioramento.”

Quinto caso negli USA

Tamela è la quinta vittima registrata del Bourbon virus negli USA. Il primo è stato John Seested, 68 anni, del Kansas.

L’uomo è morto due settimane dopo essere stato morso da una zecca. Prima della sua diagnosi, al mondo erano stati riportati soltanto 8 casi di questa malattia.

Il Bourbon virus attacca i globuli bianchi molto velocemente; al momento non ci sono cure né vaccini per questa malattia.

L’unico modo che abbiamo per proteggerci è tentare di evitare di contrarre la malattia. Usare spray repellenti per insetti e indossare maniche lunghe sono metodi consigliati contro le zecche. Lo stesso vale per l’evitare di andare dove c’è erba troppo alta. Dopo essere stati all’aperto controllare sempre se stessi e i propri figli.

SHARE: This Missouri woman died after being bitten by a tick. Tamela Wilson became only the fifth confirmed case of the little-known Bourbon virus >> http://bit.ly/2tKgbb1

Posted by Tucson News Now on Wednesday, 12 July 2017

 

Condividete questo articolo con i vostri amici su Facebook così che altre persone possano prendere precauzioni quando vanno in zone a rischio.

Nonostante sia molto raro contrarre il Bourbon virus, le zecche possono diffondere anche altre malattie se non si è vaccinati.