Mamma single nata senza arti piange la perdita del figlio bullizzato per la sua disabilità

Il figlio diciannovenne dell’artista inglese Alison Lapper è stato trovato morto.

Alison Lapper, nata senza braccia e senza gambe, ha posato per una delle più famose statue di Trafalgar Square, a Londra. Ha detto che suo figlio era “la mia più grande opera d’arte e creazione”.

Suo figlio Parys, che Alison ha cresciuto da sola mentre proseguiva nella sua carriera d’artista, aveva soltanto 19 anni. Lo hanno trovato morto in un hotel di Worthing, West Sussex, in Inghilterra.

Pare sia morto per overdose di droga accidentale, come ha rivelato il The Guardian.

Parys soffriva di ansia e depressione perché a scuola era vittima di bullismo, ha detto il giornale inglese.

Questa storia dovrebbe ricordare a tutti che nel mondo abbiamo bisogno di più comprensione e gentilezza.

“Un vero miracolo”

In un estratto tratto dal libro di Alison “My Life in My Hands” (La mia vita nelle mie mani), pubblicato da The Guardian, la donna parla della sua euforia per la nascita di suo figlio.

Aveva avuto diversi aborti spontanei e stava perdendo le speranze, ma poi nel 1999 è rimasta incinta di Parys.

“Quando è nato mio figlio ero euforica. Era in salute e bellissimo, un vero miracolo.”

https://www.instagram.com/p/BO7_eDYjGPQ/?utm_source=ig_embed

Quando Alison ha scritto il libro Parys aveva 5 anni. Ha parlato dell’ansia che provava sapendo che forse sarebbe stato trattato in modo diverso a causa della sua disabilità.

“La mia disabilità non ha mai creato una barriera tra di noi, ma se a scuola lo prenderanno in giro o faranno commenti negativi su sua madre, per lui potrebbe essere difficile da affrontare.”

Conseguenza di ciò che gli è successo

“A volte mi rende molto nervosa, ma so che ne usciremo e che ne uscirà sorridente. È sempre stato così.”

Purtroppo però, a causa di tutto quello che è successo, Parys ha iniziato ad assumere droghe per combattere ansia e depressione.

“Non voglio che mio figlio venga ricordato come un tossico, come l’ennesimo morto di droga,” ha detto Alison a Sunday Times.

“Le droghe sono state una conseguenza di quello che ha passato.”

Posted by Si Clift on Sunday, 25 August 2019

 

Secondo le notizie, il ragazzo era in custodia da quando aveva 16 anni a causa dei suoi problemi di salute mentale e assunzione di droghe. Per Alison stava diventando difficile occuparsi di lui.

Quando hanno visto sua madre, Parys era ansioso per la reazione degli altri ragazzi a scuola. A 13 anni le ha chiesto di smettere di andare ai colloqui con gli insegnanti.

Alison ha raccontato che sono arrivati a scuola e gli altri ragazzi li hanno visti entrambi. Il giorno dopo Parys è andato a scuola e “lo hanno fatto a pezzi”.

Alison è stata abbandonata dalla sua famiglia alla nascita a causa della sua condizione.

View this post on Instagram

Me in front of big me!

A post shared by Alison Lapper MBE (@alison_lapper_mbe) on

Nonostante sia stata abbandonata e sia cresciuta in istituto, dove alcuni erano crudeli con lei, Alison ha perseguito una carriera da artista. Si è laureata in belle arti con il massimo dei voti all’università di Brighton e nel 2003 ha ricevuto un premio dalla regina per il suo contributo all’arte.

Dottorato ad honorem

Ha comprato una casa in riva al mare e ha cresciuto suo figlio da mamma single. Nel 2014 ha ricevuto un dottorato ad honorem sempre a Brighton.

Alison ha posato per la famosa scultura di Marc Quinn che si trova a Trafalgar Square quando era incita di 5 mesi.

La vita di Parys è stata raccontata dal documentario di BBC “Child of Our Time”, in cui si parlava delle vite di 25 ragazzi fino al compimento dei 20 anni di età. Un modo per migliorare la comprensione dei giovani in età di sviluppo.

Purtroppo però, Parys non ha mai compiuto 20 anni.

https://www.instagram.com/p/B1zlKV4JNSA/?utm_source=ig_embed

Al mondo c’è bisogno di amore e forza e questa mamma coraggiosa ha fatto tutto il possibile per crescere e proteggere suo figlio. Il ragazzo aveva un animo bellissimo e sensibile.

Riposa in pace, Parys.

Condividete l’articolo per omaggiare Parys e tutti gli altri giovani che lottano contro problemi di salute mentale.