Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Moglie annoiata dal marito che fa sempre tardi al lavoro, sente le parole della figlia in cucina e capisce la verità

Anche se al giorno d’oggi sembra che la parola “biologico” si senta ovunque si vada, credo che molte persone ancora non sappiano bene da dove arrivi il loro cibo quando sono al supermercato o a cena al ristorante.

Io per esempio sono tra questi.

Un’altra cosa è che io non ho mai pensato molto ai contadini che si alzano ogni giorno all’alba e lavorano nei campi fino a sera.

Molti di loro hanno la passione di riuscire a produrre prodotti di qualità che non sono solo buoni per noi ma anche per il pianeta.

A quale costo però?

Facebook/Katie Spence Pugh

Katie Spence Pugh è sposata con un contadino e sa anche troppo bene come può essere la vita in una fattoria.

Dopo una dura giornata di lavoro, lei va a casa ad occuparsi dei bambini e fare le sue solite faccende. Nel frattempo, suo marito Eugene ha ancora parecchie ore di lavoro nei campi, scrive il Daily Mail.

Un giorno, presa dalla frustrazione, ha mandato al marito un messaggio arrabbiato: voleva che lui sapesse quanto fosse stanca della vita che facevano.

Non si vedevano quasi mai e lei doveva occuparsi dei bambini e della casa da sola.

Tuttavia, quando Eugene è tornato a casa quella sera, l’ha sorpresa. Si è seduto in cucina per mangiare qualcosa.

Poco dopo, la loro bambina è andata a sedersi vicino a lui. Nonostante probabilmente stesse morendo di fame dopo tutto il duro lavoro, ha condiviso volentieri la cena con lei.

È così che Katie ha avuto una rivelazione.

Ha messo la foto sulla sua pagina Facebook condividendo quel momento che le ha fatto capire e apprezzare la vita che avevano.

Facebook/Katie Spence Pugh

Ho fatto questa foto l’altra sera dopo una dura giornata di lavoro. Ero stanca. Ero irritata. Avevo mandato un messaggio a mio marito dicendogli che forse non avrebbe fatto differenza, ma volevo che sapesse che ne avevo abbastanza che lavorasse così tanto e io dovevo fare tutto il resto da sola. Lavoro a tempo pieno, preparare la cena, fare il bagno ai bambini, viaggi del fine settimana senza di lui, tenere a posto la casa, ne ero molto infastidita. Io ogni tanto avevo questi momenti (ok, abbastanza spesso) nelle stagioni di semina e raccolto. Poi è successo questo.

È entrato in casa, ha preso il piatto e si è messo a mangiare tutto solo. Era stanco. Era accaldato. Era esausto. Invece di lamentarsi, ha detto che gli dispiaceva che fossi stanca e mi sentissi a quel modo. Charlotte si è unita a lui per parlare ma nel frattempo ha anche mangiato metà della sua cena. Lui non si è lamentato, l’ha condivisa con lei. E mi ha molto colpita.

Vorrei che riuscissimo a vederlo per più di un’ora al giorno? Sì. Ma l’amore che prova per ciò che fa è qualcosa da invidiare.

I contadini fanno una professione ingrata. È sempre tutto no OGM di qua e tutto biologico di là, e non si parla neanche dello stress dato da madre natura. Questo è un uomo che lavora per confermare 4 generazioni di sudore e sangue e lacrime, e mostrare ai bambini il valore del duro lavoro e della disciplina.

Perciò, mentre mi sentivo frustrata, in realtà mi sarei dovuta sentire riconoscente.

Facebook/Katie Spence Pugh

Io mi siedo a tavola a sentire tutte le storie della giornata con i bambini, io faccio loro il bagno e sento le loro risate.

Io li coccolo per 3 ore più di quanto possa fare lui. È lui quello che si sacrifica, non io. Terremo duro fino alla prossima giornata di pioggia in cui potremo passare qualche ora in più con il nostro lavoratore. Nel frattempo, la prossima volta che indosserete quella maglietta di cotone tanto comoda o mangerete delizioso cibo fresco, ringraziate un contadino.

Dove saremmo senza di loro?

Qui sotto puoi vedere l’intero post di Katie.

I snapped this picture the other night at the end of a long day. I was tired. I was irritated. I had sent my husband a…

Posted by Katie Spence Pugh on Friday, 15 July 2016

 

Se non fosse per le famiglie come questa, noi probabilmente non avremmo raccolti ottimali per creare pasti o da mettere in tavola. Nel mondo non sono rimaste molte famiglie contadine e noi dobbiamo apprezzarle.

Per favore condividi questo articolo come tributo per tutti i contadini, loro davvero meritano degli elogi per il loro lavoro.