Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Omaggiamo Yu Shangzhong che ha dedicato la sua vita a prendersi cura di bambine abbandonate

Diamo per scontato che tutti i bambini abbiano lo stesso valore da tutte le parti del mondo – senza tenere in considerazione il sesso.

Ma in realtà ci sono posti nel mondo in cui avere un maschio o una femmina fa una un’enorme differenza.

Negli anni ’80 la Cina ha introdotto la legge sul figlio unico che ha condotto a molteplici aborti selettivi in base al sesso e a molti bambini abbandonati.

In Cina infatti, avere una figlia non sempre equivale ad avere un figlio. Si pensa che un maschio abbia molte più possibilità di trovare lavoro rispetto a una femmina, e anche meglio pagato.
Questo modo di pensare ha causato enormi problemi sociali sul modo di vedere le donne.

Molte coppie che avevano avuto delle figlie, da quando è uscita la legge hanno deciso di metterle in orfanotrofio nella speranza che venissero adottate.

Ma non tutti i genitori hanno fatto così. Nel peggiore dei casi, uccidevano le proprie figlie appena nate e nella maggior parte dei casi le abbandonavano nei boschi o nelle strade in una scatola di scarpe.

Una persona che ha deciso di non stare a guardare mentre accadeva tutto ciò è stato Yu Shangzhong.

 

South China Morning Post

Stando a quanto dice News Asia, Yu e sua moglie hanno adottato la loro prima figlia 35 anni fa quando lui aveva già 40 anni.

Quattro anni dopo, Yu ha trovato una bambina abbandonata in strada. Era in una scatola di scarpe e l’uomo non aveva il cuore di lasciarla lì, perciò l’ha portata a casa.

La coppia ha adottato anche quella bambina e negli anni ne hanno adottate ben dodici.

Yu ha trovato anche le sue figlie minori abbandonate in delle scatole di scarpe nel 1998; le bambine erano nate solo da una settimana.

GDN Online

Nonostante fossero stati benedetti dall’avere una grande famiglia, la vita per Yu e sua moglie non è stata molte facile; vivevano a Wenzhou, nella provincia di Chekiang.

Yu, che era l’unico in grado di provvedere alla famiglia, faceva del suo meglio con posizioni temporanee.

Era molto difficile mettere a tavola il cibo per sfamare tutte le figlie.

“Abbiamo passato dei giorni difficili. Quando ero piccola, mia madre mi portava sulla schiena e andavamo a raccogliere scarti o a fare l’elemosina,” ha raccontato la figlia maggiore Yu Caisong al South China Morning Post. “Le persone ci davano qualche soldo e vecchi vestiti.”

PxHere

A causa delle difficili condizioni in cui vivevano, Yu e la moglie hanno deciso di trovare un’altra coppia disposta ad adottare le loro figlie più grandi man mano che crescevano.

Così avrebbero dato loro la possibilità di una vita migliore. Oggi quattro delle ragazze studiano all’università con supporto finanziario del governo.

Altre cinque sono ancora con Yu e sua moglie.

Nel soggiorno di Yu è appesa una foto incorniciata con un ricamo in cinese fatto da una delle sue figlie. Nella scritta si può leggere “una famiglia pacifica prospererà”.

Dopo tutto quello che la famiglia ha passato, scelgono di guardare al futuro con positività.

Per i 70 anni di Yu, tutte le figlie hanno fatto una colletta per comprargli un anello d’oro come segno del loro affetto e apprezzamento.

Questa storia è un ottimo promemoria di quanto siamo fortunati in alcune parti del mondo.

Ed è difficile non commuoversi per la dedizione di Yu nell’aiutare quelle bambine vulnerabili che ora sono le sue figlie!

Per favore condividi questo articolo per omaggiare Yu Shangzhong, un uomo che merita il nostro più profondo rispetto.

 

Leggi di più su...