Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Ragazzo entra in coma dopo essere stato picchiato a scuola, apre gli occhi e sussurra due parole

Il bullismo affligge persone di tutte le età – anche se probabilmente più di tutti gli studenti che devono affrontare il problema tutti i giorni.

Nonostante i corridoi delle scuole dovrebbero essere sicuri e dovrebbe esserci zero tolleranza verso il bullismo, la storia di Henry Sembdner è la tragica prova che contro il bullismo bisogna fare di più.

 

Era un giorno come tutti gli altri alla Canyon Woods Middle School, nella piccola cittadina americana di South Elgin in Illinois.

Il dodicenne Henry Sembdner camminava lungo il corridoio quando improvvisamente ha inciampato su un altro studente.

Ovviamente è stato un incidente, ma invece di lasciar perdere l’altro studente è diventato furioso e violento e ha spinto Henry a terra.

Henry è stato picchiato così tanto che aveva il viso fratturato in più punti e il suo cervello ha iniziato a sanguinare.

Shutterstock

Per proteggere il suo cervello da ulteriori danni, i suoi dottori lo hanno messo in coma farmacologico.

È impossibile immaginare come si siano sentiti la sua famiglia e i suoi amici mentre lo tenevano d’occhio in ospedale.

“Vederlo all’ospedale, tutte quelle immagini… è davvero molto triste. È orribile,” ha detto uno dei migliori amici di Henry ad ABC News.

ABC 7 Chicago/Facebook

La comunità si è raccolta attorno a Henry e alla sua famiglia.

I suoi compagni di classe gli hanno scritto biglietti e gli hanno inviato messaggi usando l’hashtag #HenryStrong (Henry è forte).

Sapendo che Henry ama il baseball ed è fan dei Chicago Cubs, hanno indossato le maglie della squadra per onorare il loro amico.

La notizia ha raggiunto anche il giocatore dei Cubs Anthony Rizzo, che ha dichiarato il suo sostegno per Henry – e lo ha invitato a fare pratica e una partita una volta sveglio.

Twitter

La famiglia di Henry si è commossa per tutto il supporto.

“Sono sicura che gli farà capire che ci sono persone che tengono a lui. È bellissimo vedere quante persone si siano raccolte per un’altra,” ha raccontato sua madre Karen ad ABC News.

Nel frattempo Henry mostrava segni di miglioramento ogni giorno.

E infine si è svegliato dal coma.

6abc Actions News/Facebook

Karen, sua madre, ha scritto sul suo blog del processo di guarigione.

“Nei due giorni seguenti avevamo programmate delle visite con 10 dottori diversi e tutto il resto. Speravamo non ci fossero ricadute,” ha scritto.

Una volta rimosso il tubo respiratorio Henry ha detto le sue prime parole… che suonavano come “Ho fame!”

Forse non era la cosa più inaspettata che la madre di un dodicenne potesse sentirsi dire, ma per quella mamma e in quella situazione è stato bellissimo. E sapeva di non poter mai più dare per scontata la voce del suo amato figlio.

Karen Sembdner/Twitter

Siamo felicissimi che Henry si sia svegliato – ma allo stesso tempo questa cosa non sarebbe mai dovuta succedere.

Condividiamo tutti questa storia e facciamo sapere al mondo che il bullismo dovrebbe finire immediatamente!

 

Leggi di più su...