Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Sente delle urla da una casa abbandonata e butta giù la porta – trova la figlia coperta di sangue

Prendere la legge in mano è qualcosa che non dovremmo mai fare.

Ma cosa succederebbe se la vita di qualcuno a noi caro fosse in pericolo e la polizia non fosse lì? Voi che fareste?

La mamma single Bethany Arceneaux di 29 anni era ormai scomparsa da tre giorni e la sua famiglia era stanca di aspettare che la polizia iniziasse a cercarla.

Grazie ad un testimone, la famiglia di Bethany sapeva che era stata rapita dal suo ex fidanzato ma non avevano idea di dove l’avesse portata.

Sapevano però che l’uomo era molto pericoloso.

In passato era stato violento e aveva ricevuto un’ingiunzione restrittiva; sapevano di non avere molto tempo per riuscire a trovarla.

 

Una collega di Bethany aveva visto che la donna stava suonando disperatamente il clacson mentre veniva trascinata fuori dalla sua macchina nel parcheggio.

L’uomo che la trascinava era il suo ex che era anche il padre di suo figlio di due anni.

La collega era corsa verso la macchina e Bethany aveva iniziato ad urlare nel panico – chiedendole di occuparsi di suo figlio, cosa che la donna ha fatto.

L’ex fidanzato è poi partito velocemente con Bethany in macchina.

Facebook/Bethany Arceneaux

L’incidente era stato riportato ma la famiglia era sempre più ansiosa e frustrata dato che la polizia non stava facendo un buon lavoro nel ritrovarla.

È così che hanno deciso di prendere in mano la questione loro stessi.

Molte tracce li conduceva ad una casa abbandonata non molto lontana dal luogo in cui era stata ritrovata la macchina dell’ex fidanzato. Sei membri della famiglia di Bethany insieme a vicini e amici si sono diretti lì e subito hanno iniziato a sentire delle urla.

Il fratello di Bethany ha buttato giù la porta e ciò che hanno visto era molto peggio di quanto potessero immaginare.

Youtube/CNN

Proprio di fronte a loro c’era l’ex fidanzato che stava accoltellando Bethany. Lei era coperta di sangue e urlava disperata. Stava per perdere la vita.

Uno dei suoi cugini sapeva esattamente cosa fare in quel momento. Aveva una pistola e senza pensarci due volte l’ha alzata e ha sparato all’uomo.

Youtube/CNN

Bethany era gravemente ferita ma per fortuna è sopravvissuta. Stando a quanto dice la CNN, nessun membro della sua famiglia è stato condannato perché era un chiaro atto di difesa personale e implicava il salvare la vita di un’altra persona.

 

Questa è una storia orribile che potrebbe scatenare un sacco di emozioni ma la cosa importante è che Bethany sia sopravvissuta e possa continuare a crescere suo figlio.

Grazie alla sua famiglia e alla loro perseveranza Bethany è viva. La famiglia viene veramente prima di tutto. Per favore condividi se sei d’accordo.