Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

70 anni dopo l’Olocausto, un drone sorvola su Auschwitz – il risultato è davvero toccante

Il 1 settembre 1939 segna l’inizio della seconda guerra mondiale, quando la Germania nazista attaccò la Polonia. Una delle loro prime azioni fu quella di confinare gli ebrei nei ghetti.
I nazisti hanno iniziato a costruire i campi di concentramento per lanciare il progetto “Generalplan Ost”, una pulizia etnica degli ebrei, dei polacchi, dei rom, degli omosessuali e delle persone disabili.

Il 1933 segna invece la costruzione del primo campo di concentramento, dove vennero rinchiusi i prigionieri politici. Tra il 1937 e il 1939, la costruzione dei campi fu moltiplicata, e alla fine del 1945 c’erano complessivamente 730 campi di concentramento.

I prigionieri furono utilizzati come forza lavoro nell’industria, che era di grande utilità ai tedeschi durante la guerra. Il loro obiettivo era l’estinzione degli ebrei in Europa.
Durante la seconda guerra mondiale, 1,3 milioni di persone sono state mandate a Auschwitz. Di questi, 1,1 milioni sono stati uccisi. Un milione di essi erano ebrei.
Il governo scandinavo, grazie alle spedizioni organizzate con gli autobus bianchi, riuscì a salvare dai campi di concentramento tra le 15.000 e le 30.000 persone. La maggior parte di loro erano scandinavi.

Ma riuscirono anche a salvare circa 4.000 ebrei.
Mio zio Moses è nato nel 1932. Fin da quando aveva cinque anni, ha lavorato in una fabbrica di vetro, seguendo gli ordini delle SS naziste. La fabbrica era vicino alla sede della SS nella città polacca di Piotrków, dove nacque mio zio Moses. I bambini erano considerati buoni lavoratori poiché con le loro piccole mani arrivavano a lucidare il vetro dove le mani adulte, troppo grandi e ingombranti, non arrivavano.

Wikimedia Commons

Per tre anni lavorò in fabbrica prima che lui e sua madre, Miriam, vennero mandati al campo di concentramento di Ravensbrük.
Mio nonno è stato mandato al campo di concentramento di Buschenwald. Miriam fu uccisa e Moses fu mandato al campo di concentramento di Bergen-Belsen. Lì, è stato curato da una donna che in seguito è stata soprannominata “l’angelo di Bergen-Belsen”, per aver salvato tanti orfani.
Alla fine della guerra, Moses fu inviato in Svezia.
Mio nonno Saoul ha cercato per oltre un anno, dopo che la guerra era finita, prima di scoprire che alcuni bambini erano stati portati in Svezia. È lì riuscì fortunatamente a ritrovare suo figlio.
Mio nonno Saoul e mia nonna Rosa si sono conosciuti in Svezia. Entrambi avevano perso i genitori e sei dei sette fratelli di mia nonna erano stati uccisi. La prima moglie di mio nonno e tutti e sei i suoi fratelli erano morti.
I pochi che sono riusciti a sopravvivere all’Olocausto sono tutt’oggi ancora tra noi. Quindi, è importante ricordare le loro storie e continuare a condividerle in modo che tale orrore non si ripeta mai più.
Ecco le toccanti immagini che il drone ha registrato mentre sorvolava Auschwitz:

 

Questo articolo è stato scritto in memoria dei 6 milioni di persone che sono state uccise durante l’Olocausto.
Per favore, condividete questa storia. Ciò che è successo non deve essere mai dimenticato.

 

Leggi di più su...