Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Donna di 56 anni uccide lo stupratore di sua figlia – non riceve condanna in prigione

Quando la donna di 56 anni ha trovato una gang di 3 uomini che stupravano sua figlia è intervenuta senza battere ciglio. Ha preso un coltello per fermarli e ha ucciso uno di loro.

La donna è stata arrestata, ma adesso la corte ha deciso che non dovrà trascorrere del tempo in prigione per l’omicidio.

Il 2 settembre, una donna sudafricana è stata avvertita da un’amica che sua figlia era stata stuprata in una casa vuota del villaggio di Qumbu. La donna di 56 anni è corsa verso la casa solo per scoprire che sua figlia era stata violentata da 3 uomini. A quel punto ha preso un coltello e ha iniziato ad accoltellarli, scrive il Times Live.

Stupratore morto

Uno dei tre uomini è morto a causa delle ferite riportate e la donna ha dovuto affrontare le accuse di omicidio e di tentato omicidio.

Il caso ha subito ricevuto l’attenzione dei media sudafricani e mondiali e la donna è stata soprannominata “mamma leonessa”.

Molte persone simpatizzavano e supportavano la donna ed è stata lanciata una campagna di raccolta fondi per coprire i costi legali della donna, che ammontavano circa a 10.000 dollari.

“Ha ancora bisogno di andare a riunioni per persone traumatizzate insieme a sua figlia. Abbiamo trasferito i soldi che ci sono stati pagati a lei per farla vivere bene,” ha detto l’avvocato della donna a Times Live.

Shutterstock

Sfugge alla pena

La corte di magistratura Lady Frere ha annunciato che la donna non dovrebbe essere accusata di omicidio. Gli altri due uomini accusati di stupro sono stati arrestati e sono in attesa di azioni penali.

Indirizzandosi a centinaia di suoi supporter fuori dalla corte, la donna ha detto che è rimasta molto toccata dal supporto pubblico ricevuto.

“Mi sono sentita come un vecchio scimmione senza amici, ma oggi mi avete mostrato che ci sono persone dalla mia parte e non sono sola. Grazie,” ha detto.

Questa madre ha fatto ciò che sentiva di dover fare per salvare sua figlia da ripetute violenze. Cosa ne pensi della decisione della corte di non mandarla in prigione? Per favore condividi e commenta con la tua risposta.