Donna incinta con gli arti amputati buttata fuori da camion in corsa con una busta di plastica e un biglietto

Attenzione: contiene dettagli espliciti che potrebbero causare disagio in alcune persone.


Una donna incinta è stata buttata fuori da un veicolo in corsa assieme a una busta di plastica contenente i suoi arti amputati. Assieme a lei, anche due uomini di 22 e 23 anni sono stati buttati lungo la strada nello stato messicano di Guanajuato.


Pare che dietro l’orribile atto ci siano dei membri di un cartello di droga. Hanno tagliato gli arti alla giovane donna incinta e ai due uomini dopo averli accusati di furto. Anche se gli hanno tagliato gli arti e li hanno messi in una busta di plastica, la gang di droga non li ha fatti morire dissanguati. Gli hanno legato i moncherini con corda e filo prima di buttarli fuori dal retro del camion.

La donna, che pare abbia circa 25 anni, chiedeva aiuto a coloro che passavano nelle loro vicinanze in strada, ha detto il Mirror. “Per favore, chiami mia sorella, le do il numero, per favore mi aiuti,” pregava a coloro che le passavano accanto.


Oltre alla busta di plastica che conteneva gli arti recisi delle vittime, era incluso anche un biglietto che accusava la donna incinta e i due uomini di furto. “Mi è stato fatto questo perché sono un ladro e non ho rispettato persone buone e lavoratrici,” dice il biglietto. “Chiunque faccia la stessa cosa e continui a rubare subirà lo stesso trattamento.”

In Playa Del Carmen the civil police with dogs offered us cocaine in the Quinta Avenida

Posted by Degner Maria Ina on Monday, December 14, 2020

Abbandonate in condizioni critiche, le tre vittime sono state portate in ospedale ed è iniziata un’indagine sull’incidente, come ha detto Independent.


La responsabilità per aver dispensato questo crudele destino alle vittime è il Gruppo Elite, che ha lasciato il suo marchio sul biglietto incluso nella busta. Il Gruppo Elite pare che sia un’ala letale del Cartel Jalisco Nuevo Generaciòn (CJNG) e dell’alleanza Cartel Santa Rosa de Lima/Sinaloa.


Un altro incidente che riguarda una donna incinta è finito con la morte della stessa. È stata strangolata a morte e il bambino strappato dal grembo. La donna incinta, Jessica Gabriela di 20 anni, pare sia stata attirata in casa della sua assassina, Cinthia Fatima, a Tampico nello stato messicano di Tamaulipas, ha rivelato il Daily Mail.


Pare che Cinthia avesse avuto un aborto e, come modo per coprire ciò che le era successo, avesse iniziato a cercare donne incinte da uccidere e spacciare i loro bambini come suoi. Cinthia aveva trovato Jessica sui social e le aveva detto che le avrebbe regalato alcuni vestiti da neonato per il suo bambino.

Con la scusa di aiutare la donna incinta, Cinthia l’ha attirata in casa sua, dove l’ha strangolata e poi le ha strappato il bambino dal grembo. Il suo piano era andare dal dottore e spacciare il bambino per suo, con la speranza di poter convincere suo marito di non aver avuto un aborto, ha rivelato il Mirror. Tuttavia, la famiglia di Jessica ha dato l’allarme quando la ragazza non ha fatto ritorno a casa e i detective l’hanno trovata morta a casa di Cinthia.


Sia Cinthia che suo marito, Omar Erique N., sono stati arrestati per la morte di Jessica.