Ergastolano del carcere minorile più anziano degli USA libero dopo 68 anni

Quando Joe Ligon è stato condannato al carcere a vita senza possibilità di condizionale aveva solamente 15 anni.


Joe Ligon si è dichiarato colpevole di due accuse di omicidio di primo grado avvenuto a Filadelfia nel 1953. Al tempo prese parte a un’aggressione con furto in cui sono rimaste uccise due persone, ma ha sempre negato di averle uccise e di essere stato il capro espiatorio.


Ora Joe, 83 anni, è uscito dal carcere di Filadelfia dopo 68 anni dietro le sbarre. È diventato il più anziano ergastolano del carcere minorile della nazione.


Joe Ligon è nato in una fattoria dell’Alabama e ha abbandonato la scuola in terza o quarta elementare. Come rivelato da Philadelphia Inquirer, è uscito dall’istituto correttivo l’11 febbraio.

Dopo che gli è stata misurata la temperatura e gli è stato dato un cappello, è uscito per le strade della contea di Montgomery con una dozzina di scatole di documenti. Una quantità insolita per la maggior parte dei detenuti, ma Ligon ha detto: “Io sono speciale.”


Dopo che il tribunale supremo degli Stati Uniti ha stabilito che i termini automatizzati per i giovani erano crudeli, nel 2017 la pena di Ligon è stata ridotta a 35 anni. Ma nonostante fosse in carcere da quasi 70 anni, Joe Ligon si è rifiutato di chiedere la condizionale.

“Mi piace essere libero,” ha detto a Inquirer. “Con la condizionale, devi vedere le persone della condizionale molto spesso. Non puoi lasciare la città senza permesso. Questa è solo una mezza libertà secondo me.”


Il suo avvocato Bradley Bridge, che rappresenta Ligon dal 2006, ha lottato per 3 anni per farlo rilasciare dopo aver completato il suo tempo.


Secondo Bridge, la condanna a vita obbligatoria massima è incostituzionale.

https://twitter.com/_SJPeace_/status/1360673770298626051?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1360673770298626051%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fen.newsner.com%2Fnews%2Foldest-juvenile-lifer-in-u-s-is-freed-from-prison-after-serving-68-years%2F

“La costituzione richiede che l’intera condanna, sia i termini minimi che massimi stabiliti dal carcere minorile, siano individualizzati. Se uno deve andare bene per tutti non sono costituzionali,” ha scritto.


Il giudice Anita B. Brody si è ritenuta d’accordo e ha ordinato che la condanna di Ligon venisse rivista o che l’uomo venisse liberato entro 90 giorni.

Bridge ha aggiunto: “Spero che il suo rilascio, e il rilascio degli ergastolani del carcere minorile in generale, comporteranno una rivalutazione del modo in cui incarceriamo le persone.”

Ligon si è preparato ad entrare in un modo di cui non fa parte da quasi 70 anni guardando notiziari in una piccola TV nella sua cella. Ha detto che avrebbe voluto che sua madre, suo padre e suo fratello fossero ancora vivi per poter vedere quel momento.


“Mi piacciono le mie probabilità. Mi piacciono le mie probabilità per quanto riguarda la sopravvivenza,” ha detto.


È rimasto affascinato nel vedere la città, cambiata così tanto nel corso degli anni.


“Guardo tutti gli edifici altissimi. È tutto nuovo per me, non esistevano.”


Non ho idea di come si possa riabituarsi a una vita fuori dal carcere dopo averci trascorso 68 anni. È stato imprigionato da bambino, è una cosa orrenda e non è così che andrebbero trattate le persone. Quanti altri ancora stanno soffrendo?

Spero che abbia una rete di supporto e riesca a trovare la pace ora che chi di dovere ha fatto ciò che andava fatto molti anni fa.


Condividete se siete d’accordo.

Ora potete seguirci su Instagram, per tante foto, video e contenuti in più!