Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Hostess di volo legge nel bagno dell’aereo la scritta “aiuto” e chiama la polizia

Per molti di noi, gli aerei significano solo una cosa: vacanza. L’umore sugli aerei può essere piuttosto gioviale, perché ci si sposta da un luogo all’altro per vacanza e si permette a tutte le preoccupazioni di scivolare via.

Shelia Frederick è una hostess di volo della Alaska Airlines. Non aveva idea che un viaggio di routine verso San Francisco le avrebbe cambiato la vita per sempre.

Un uomo ben vestito era seduto a fianco ad una ragazzina bionda che vestiva in modo trasandato. Quando Shelia è passata di lì, la ragazzina l’ha guardata e Shelia ha sentito come se quello sguardo le stesse scavando dritto nell’anima.

NY Daily News

Personaggio sospetto

Quando Shelia ha provato a parlare con l’uomo, lui è stato subito sospetto. Lei sentiva che c’era qualcosa di strano, perciò è andata nel bagno dell’aereo e ci ha lasciato un pezzo di carta e una penna.

Poi è passata di nuovo a fianco della ragazza e le ha fatto segno di andare in bagno.

La ragazza ha seguito le sue istruzioni e quando Shelia è riandata in bagno, ha trovato delle parole devastati scritte sul foglio: “Aiutami”.

La hostess è andata dritta dal pilota che l’ha aiutata a chiamare la polizia così che li aspettassero al loro atterraggio a San Francisco, stando a quanto dice Independent.

Ne è venuto fuori che la ragazzina era una vittima del traffico di umani ed era stata rapita due mesi prima.

stream.org

Solo una bambina

La ragazza salvata da Shelia aveva solo 14 anni. In seguito all’accaduto, la hostess è diventata membro della Airline Ambassadors International, un’organizzazione avviata nel 2009 dalla ex assistente di volo Nancy Rivard per aiutare gli assistenti di volo ad essere più istruiti sul traffico di umani e scoprirne le vittime.

Gli assistenti di volo potrebbero essere molto più preparati per avere a che fare con questo tipo di incidenti se prestassero attenzione ai giusti segnali, ha spiegato Nancy.

Qualche settimana dopo Shelia ha ricevuto una telefonata da parte della ragazzina che aveva salvato. “Grazie per avermi salvato la vita,” le ha detto.

La ragazzina è stata riportata ai suoi genitori ed è entrata in terapia per superare quella difficile esperienza.

Lei e Shelia sono ancora in contatto.

1.2 milioni di vittime

UN stima che ogni anno ci siano circa 1.2 milioni di bambini vittime del traffico di umani. Il traffico di umani è la terza attività criminale più grande del mondo dopo il traffico di droga e armi.

Sia bambini che bambine vengono sfruttati sessualmente o per lavoro o come soldati, vengono dati in adozione o sono costretti a commettere furti, fare la carità o spacciare la droga – tutte cose inaccettabili.

Guarda il video qui sotto per saperne di più sull’incidente:

Condividi questo articolo per diffondere questa importante informazione e come omaggio a Sheila e a tutti gli altri assistenti di volo che lavorano attivamente per prevenire il traffico di umani!