Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Ladro ruba il parcheggio ad un uomo e non vuole smettere – riceve una lezione che non dimenticherà

Le persone sanno diventare molto creative quando si tratta di dare una lezione ai guidatori che non mostrano considerazione verso gli altri guidatori.

Quando questo rude e arrogante londinese ha “rubato” lo stesso parcheggio giorno dopo giorno, il proprietario, che pagava un sacco di soldi per quello spazio, si è sentito di dover dare una lezione al “ladro”.

Il ladro non solo parcheggiava in quel parcheggio andando contro la legge tutti i giorni, ma ha anche ignorato un sacco di avvertimenti che gli sono stati dati dal proprietario di quel posto.
Ovviamente il proprietario di quel costoso parcheggio non era felice di trovarvi un ospite tutti i giorni.

Ha deciso che era il momento di vendicarsi – e crediamo che ci sia riuscito!

Flickr/Timo Newton-Syms

Quest’uomo non solo rubava il parcheggio di un altro tutti i giorni, ma ha anche ignorato un sacco di biglietti che gli lasciava il proprietario chiedendogli di non parcheggiare lì.

Presto però il proprietario del parcheggio ha trovato una soluzione e ha spiegato su Reddit ciò che è successo:

Penso che sia finalmente arrivato il momento di scriverlo, dato che questa saga di idiozia è finita.

Lavoro per una piccola azienda in un’area molto affollata nel nord di Londra. Dietro il nostro edificio c’è un piccolo parcheggio in comune con l’azienda a fianco. Per poter prenotare uno degli spazi, dobbiamo pagare circa 1200 sterline all’anno e il che va anche bene dato che siamo spesso in macchina per lavoro e facciamo avanti e indietro dall’ufficio più volte al giorno. Il parcheggio è gestito da un’azienda ma dato che è piccolo e ospita sempre le stesse macchine, non fanno mai niente a meno che siamo noi a chiederglielo.

Circa 7 settimane fa, nel parcheggio ha iniziato a comparire un macchina mai vista prima. Tutti i giorni e SEMPRE nel mio posto.

Ho iniziato immediatamente a parcheggiare la macchina dietro quella macchina sconosciuta tentando di bloccarla. Tuttavia, evidentemente finivo di lavorare prima del suo proprietario e non l’ho mai incontrato, né mi è mai stato chiesto di spostare la mia auto. Ho lasciato sul tergicristallo più di un biglietto chiedendo al proprietario di telefonarmi, ma non lo ha mai fatto e ho sempre trovato i biglietti appallottolati per terra.

A quel punto ho perso completamente la pazienza e ho iniziato a pensare ad un piano per la mia vendetta. Ho pensato di telefonare all’azienda che gestisce il parcheggio per farli venire a richiedere il biglietto al proprietario (dato che ognuno di noi è contrassegnato da un biglietto che indica il suo parcheggio), ma ho pensato che non fosse abbastanza.

Ho realizzato che in quei giorni mio fratello sarebbe andato in Canada per un mese e uno dei miei colleghi in paternità per due settimane, perciò avrei avuto un’altra macchina oltre alla mia e un altro parcheggio oltre al mio.

Ho aspettato di poter parcheggiare la macchina di mio fratello dietro quella del ladro di parcheggi per impedirgli di uscire e ho telefonato all’azienda che gestisce il parcheggio per registrarla, in modo che non la toccassero fintanto che rimaneva parcheggiata lì. Ho anche detto loro che una Fiesta rossa continuava a parcheggiare illegalmente e che sarebbero dovuti venire a richiedere il suo biglietto.

Il giorno dopo arrivo al lavoro e trovo un uomo arrabbiato e sudato che urla contro il funzionario del parcheggio che gli ha chiesto il biglietto dicendogli che la sua macchina è bloccata e non può uscire. Gli è stato spiegato che la macchina che gli bloccava la strada era parcheggiata legalmente e che invece era lui quello che in principio aveva parcheggiato lì illegalmente, perciò doveva pagare una multa di 100 sterline. A quel punto mi sono dovuto trattenere per non ridere quando mi è stato chiesto se sapevo chi fosse il proprietario della macchina di mio fratello, ma io ho detto che non lo sapevo.

All’uomo è stato detto che non potevano fare niente per la macchina che bloccava la sua perché era legalmente parcheggiata e che quindi avrebbe dovuto trovare il proprietario e farla spostare. Io ho parcheggiato nello spazio lasciato vuoto dal mio collega e non ci ho più pensato fino al giorno seguente, quando ho trovato di nuovo l’uomo che discuteva con un altro funzionario del parcheggio.

Gli è stata fatta un’altra multa ed è andata avanti così per un mese e ogni volta che passava un funzionario l’uomo riceveva una multa (in tutto avrà pagato 2000 sterline o più). Ogni mattina si presentava nel nostro ufficio per chiedere se sapevamo di chi fosse la macchina rimarcando sul fatto che si sarebbe arrabbiato molto una volta trovato il proprietario.

Per vendicarmi per bene, quando il mio collega è tornato al lavoro dopo 2 settimane ho iniziato a parcheggiare a 10 minuti di distanza a piedi pur di assicurarmi che l’uomo ricevesse ciò che meritava.

Dopo un mese, al ritorno di mio fratello, sono andato a riprendere la macchina di domenica sapendo che non avrei trovato nessuno.

Quando il lunedì sono andato al lavoro l’altra macchina era sparita. È ormai passato qualche giorno e non è ricomparsa, quindi forse ha imparato la lezione.

Secondo vuoi il proprietario del parcheggio ha fatto la cosa giusta? Condividete questa storia su Facebook e fateci sapere come la pensate nei commenti.

 

L’immagine non ha nessuna relazione con la storia.
 

Leggi di più su...