Mamma corre all’asilo quando la figlia viene “attaccata”: poi una telecamera di sorveglianza rivela l’orribile verità

Poco più di un anno fa, Tracy Blinov ha lasciato sua figlia Eliana di 7 mesi all’asilo in Montana, USA, e poi è andata al lavoro.

Poco dopo, ha ricevuto una telefonata proprio dall’asilo… una telefonata difficile da dimenticare.

A Tracy è stato detto che sua figlia era stata morsa, perciò la donna è subito corsa a vedere cosa fosse successo.

Al suo arrivo, è stata accolta da una vista davvero scioccante, ha detto KRTV.

Posted by Tracy Blinov on Tuesday, 25 April 2017

 

La piccola Eliana non era stata morsa solo una volta, ma aveva tutto il visto coperto da segni di morso causati da una bambina più grande.

Che i bambini possano mordere altri bambini non è una novità, è una cosa che capita spesso. Ciò che ha lasciato Tracy davvero perplessa, è perché le maestre non siano intervenute subito dopo il primo morso.

Dopo aver guardato il video della telecamera di sorveglianza, Tracy ha realizzato che Eliana è stata morsa per circa un minuto e mezzo prima che qualcuno cercasse di separare le due bambine.
La piccola aveva più di 10 morsi tra viso e corpo.

I don't get it. I never will. Who let's this kind of thing happen? I Let Eliana go to Busy Hands, and in less than 2…

Posted by Tracy Blinov on Saturday, 1 April 2017

 

Dopo l’incidente è stata lanciata un’indagine per scoprire come mai ci sia voluto così tanto prima che qualcuno se ne accorgesse.

L’asilo ha detto di essere corso in aiuto di Eliana nel momento in cui l’ha sentita piangere.

Altri morsi

La bambina di 2 anni colpevole di averla attaccata era nuova in quell’asilo.

Solo una settimana prima dell’accaduto infatti, era stata espulsa da un altro asilo per aver morso altri bambini.

Tuttavia, la madre della bambina non ha raccontato i fatti al nuovo asilo che perciò non aveva idea di quali fossero le premesse.

“Quella bambina era nuova da noi e sua madre ha evitato di dirci che solo una settimana prima era stata espulsa da un altro asilo per aver morso più e più volte,” ha detto la proprietaria a ABC Fox Montana.

“Se ci fosse stato detto avremmo sicuramente rifiutato di accoglierla.”

I morsi erano così gravi che Eliana ha dovuto prendere degli antibiotici. Tuttavia la piccola, nonostante avesse il viso pieno di lividi, era comunque di buon umore nei giorni dopo l’incidente.

Ecco cos’ha scritto Tracy su Facebook al riguardo:

“Oggi è di ottimo spirito. Sono felice di dire che i lividi e il gonfiore stanno scomparendo, è fantastico quanto siano resistenti i bambini. Sono grata per il supporto ricevuto da tutti. Sia ABC Fox Montana che KPAX parleranno della nostra bambina.”

She's in much better spirits today. I'm happy to say the bruising and swelling is coming down a little, it's amazing how…

Posted by Tracy Blinov on Sunday, 2 April 2017

 

La legge del Montana dice che all’asilo devono esserci un massimo di 4 bambini per ogni maestra.

In seguito all’incidente però, il suo asilo ha dichiarato che diminuirà il numero a 2 bambini per maestra, per assicurarsi che non capiti mai più.

Ovviamente quando portiamo i bambini all’asilo ci aspettiamo che vengano sempre seguiti e che non succeda niente di male, però chiunque abbia avuto un figlio, sa che basta anche solo un secondo in cui ci si gira dall’altra parte per far succedere qualcosa.

Ma dato che la piccola Eliana è rimasta per un minuto e mezzo a subire morsi prima di essere soccorsa, è chiaro che il suo asilo abbia bisogno di migliorare i suoi metodi.

Inoltre, è anche vero che la mamma dell’altra bambina avrebbe dovuto raccontare come stavano le cose prima di iscriverla ad un nuovo asilo.

Posted by Tracy Blinov on Saturday, 15 April 2017

 

Speriamo che i genitori di Eliana non siano troppo spaventati per lasciarla ancora all’asilo e che l’asilo riorganizzi i suoi metodi così che in futuro nessun bambino venga perso di vista neanche per un momento.

Condividi questo articolo con i tuoi amici e famiglia su Facebook se pensi anche tu che negli asili ci dovrebbe essere più personale.

 

Leggi di più su...