Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

Storia divertente: un anziano si vendica sulla città che ha tagliato il suo amato albero

Gli alberi sono importanti per l’ambiente e spesso sono molto importanti anche per le persone che si prendono cura di loro – specialmente quando sono minacciati. Nella storia ci sono stati molti casi in cui le persone hanno combattuto per proteggere un gruppo di alberi o anche un solo albero.

Quando un anziano ha scoperto che la città di Redondo Beach in California avrebbe tagliato il suo albero di 30 anni, si è arrabbiato molto, ed è dire poco. Perché mai avrebbero dovuto tagliare un albero così bello e in salute?

Ha iniziato a pianificare la sua vendetta e poi ha scritto una lettera aperta al sindaco di Redondo Beach rivelando ciò che aveva fatto.

La sua storia è stata presto letta e festeggiata da migliaia di persone – quest’uomo ha di certo dato una lezione all’intera città!

Ecco che cosa ha scritto al sindaco:

Salve,
io sono un arborista. Significa che sono un professionista nella coltivazione, gestione e studio degli alberi. Io amo gli alberi. Credo che siano uno degli esseri viventi più belli, maestosi e antichi che vivono sul nostro pianeta.

Oggi sono qui a raccontarle una storia di morte, rinascita e vendetta. Esattamente 3 anni fa, il consiglio cittadino di Redondo Beach in California, ha ordinato la morte del mio albero del pepe di 30 anni.

Le sue radici avevano iniziato ad infiltrarsi sotto la strada davanti alla mia casa. La città ha notificato ed emanato la condanna a morte del mio albero. Inoltre mi ha anche fatto pagare i danni al marciapiede e le spese di rimozione dell’albero.

Pinterest

Io amavo Clyde. Sto iniziando a diventare anziano e piantare qualcosa che sapevo avrebbe vissuto molto più di me è stato qualcosa di molto speciale. Mi sono preso cura molto bene di lui. Ho drenato il terreno, quando era piccolo gli ho messo un sostegno per crescere e l’ho visto crescere.

Proprio quando Clyde stava diventando un albero forte e in salute, stava espandendo le sue radici, sviluppando una bella chioma e seguendo la sua strada nella vita, il sindaco si è preso la responsabilità di sradicarlo.

Ma Clyde sarà vendicato…

Sindaco Steve Aspel, lei ha ucciso il mio bambino.

Pagherà per questo. Due anni e 7 mesi fa, ho piantato segretamente 45 sequoie californiane e 82 sequoie giganti in vari parchi, giardini e proprietà statali tutto attorno alla città.

Pixabay

Oggi il loro sistema di radici sarà più o meno di 10 metri di diametro e perfettamente inserito nel terreno. Probabilmente avrà notato gli alberi che stanno crescendo di fronte al consiglio cittadino o quello che ha germogliato nel suo giardino. È una sequoia gigante e nei prossimi mesi inizierà a crescere rapidamente.

Lei ha ucciso Clyde, ma io l’ho sostituito con più di 100 giganti viventi. E diventeranno enormi. In pochi anni raggiungeranno l’altezza di 30-90 metri e vivranno più di 2.500 anni, molti di più di quelli che ci separano dalla nascita di Gesù.

A questo punto sradicarne anche uno solo costerà più di 1.500 dollari… e le manderò il conto, proprio come ha fatto lei con me 3 anni fa.

Buona giornata a lei signore. Possa la città essere invasa dagli alberi. E che Clyde riposi in pace.

Pixabay

Metti mi piace e condividi questo articolo se apprezzi anche tu la vendetta creativa di questo arborista! Per favore lasciaci un commento su Facebook e facci sapere cosa ne pensi.