Tweet about this on Twitter Pin on Pinterest Share on Facebook

16enne muore d’infarto mentre è in vacanza dopo aver bevuto una ben nota bevanda

I giovani sono estremamente resistenti. Quando vengono feriti i loro sentimenti, sono capaci di sorridere nuovamente subito dopo.

Quando si graffiano un ginocchio, la ferita si rimargina quasi in una notte. Quando si ammalano, di solito tornano in forma in pochissimo tempo.

Facebook/KrisHamann

Lanna era energica, atletica e viveva una vita salutare. Era socievole e non aveva mai avuto problemi di salute.

Poi, nell’estate del 2014, è andata in vacanza in Messico con la famiglia del suo amico.

Facebook/KrisHamann

Un giorno, in spiaggia, ha avuto problemi a respirare ed è collassata. È stata portata in una clinica ma non c’è stato modo di salvarla. Ha avuto un infarto fatale.

Una morte è sempre terribile per tutti coloro che ne vengono toccati, ma quando la persona in questione aveva ancora tutta la vita davanti a sé, risulta ancora più tragica.

La morte di Lanna è stata un mistero. Nessuno aveva notato alcun segno di allarme.

Facebook/LannaHamann

In seguito Kris, la madre di Lanna, ha iniziato a pensare alla morte improvvisa di sua figlia.

Quando Lanna è morta era disidratata, ma aveva bevuto per tutto il giorno. Tuttavia, aveva bevuto soltanto energy drinks e solo qualche minuto prima di collassare aveva bevuto una Red Bull.

Facebook/LannaHamann

Il cardiologo Jack Wolfson ha raccontato al KSAZ Fox 10 che l’alto livello di caffeina e zucchero degli energy drinks potrebbe aver contribuito alla morte di Lanna.

“Ci sono prove mediche che queste cose fanno male. Possono causare cambiamenti del ritmo cardiaco e avere effetto sulla pressione sanguigna.”

Kris dice che sarebbe potuto succedere a chiunque. Adesso, vuole dire ad altri genitori di essere sempre vigili così che non accada ai loro figli e figlie.

Leggi qui cosa dice la University Health News sul rischio di bere energy drinks.

Per favore condividi la storia di Lanna su Facebook con i tuoi amici così che più persone possano ricevere questo importante avvertimento!

 

Leggi di più su...