Figlia dell’infermiera ha febbre e mal di testa ma i dottori la mandano a casa – non hanno visto un dettaglio importante

Se si sospetta di avere qualche problema di salute è sempre importante andare dal medico. Tuttavia, i dottori sono esseri umani e a volte seguire l’istinto e farsi dare una seconda opinione non è una cattiva idea.

Natalie Walsh fa l’infermiera, perciò sa riconoscere un problema di salute.

Ed è stata proprio la sua conoscenza ad aiutarla quando sua figlia si è improvvisamente sentita molto male.

Posted by Natalie Renee on Wednesday, 8 March 2017

 

Natalie ha portato sua figlia in ospedale quando la bambina ha iniziato ad avere un grosso mal di testa e la febbre.

I dottori le hanno trovato un rigonfiamento sulla testa ed hanno pensato al morso di un ragno.

Facebook/Natalie Renee

Hanno curato il morso e hanno rimandato madre e figlia a casa.

Tuttavia, la bambina non migliorava e Natalie sapeva che qualcosa non andava. Ha portato subito sua figlia in un altro ospedale.

È stato solo allora che hanno avuto la giusta diagnosi: la malattia di Lyme.

Facebook/Natalie Renee

La malattia di Lyme solitamente si può riconoscere per la presenza di un eritema cutaneo molto rosso e rotondo, quasi simile ad un bersaglio. Ma siccome la bambina non lo aveva, i dottori hanno sbagliato diagnosi.

Ora Natalie vuole avvertire tutti di stare attenti.

Sintomi

YouTube

Nell’80% del casi appare un eritema rosso e rotondo. Può manifestarsi tra i 3 e i 30 giorni dopo essere stati punti da una zecca, ha detto WebMD. Potrebbero presentarsi anche linfonodi gonfi, febbre e dolori e indolenzimenti.

Se avete uno di questi sintomi, cercate una puntura di zecca o una zecca attaccata al corpo, perché molto spesso sono loro a causarla.

Per fortuna la malattia di Lyme nella maggior parte dei casi si può curare facilmente, tuttavia deve essere presa in tempo per evitare complicazioni gravi a muscoli e giunture. Se non la si cura, potrebbe causare anche infiammazioni a cervello, cuore e nervi.

Qui sotto un video sui sintomi della malattia di Lyme:

Non dimenticate di condividere l’articolo con i vostri cari su Facebook così che sappiano cosa cercare.